Morti per il caldo record in Canada
Morti per il caldo record in Canada

Il Canada ha stabilito ieri un record di caldo estremo, per il terzo giorno consecutivo: 49,5 gradi sono stati registrati a Lytton, un villaggio a nordest di Vancouver, nel bel mezzo di un’ondata di calore che sarebbe all’origine di decine di morti improvvise segnalate negli ultimi giorni nella regione.

“Alle 16:20 la stazione di Lytton ha battuto ancora una volta i record di temperatura giornalieri e storici”, ha twittato Environment and Climate Change Canada (Eccc), il dipartimento del governo canadese responsabile del coordinamento delle politiche e dei programmi ambientali. La Polizia reale canadese a cavallo (Rcmp) e la Polizia della città di Vancouver Police hanno annunciato separatamente che almeno 134 persone sono morte da venerdì nell’area metropolitana situata sulla costa canadese affacciata sul Pacifico, in una morsa di calore che sta interessando anche l’ovest degli Stati Uniti.
Almeno 233 persone sono morte a causa del caldo record che sta tormentando il Canada da venerdì. I dati sono stati forniti da fonti ufficiali che parlano comunque di un bilancio ancora provvisorio.

I residenti di Vancouver affrontano temperature record questa settimana mentre il Canada e parti degli Stati Uniti occidentali sono oppressi da un’ondata di caldo senza precedenti con temperature vicine ai 50 gradi. Oltre 200 i morti. . Per evadere dalla calura, nelle città sono stati allestiti dei “cooling centre”, capannoni dotati di aria condizionata dove i residenti possono recarsi, chi può fugge invece verso i più freschi boschi vicino le grandi città.

Le previsioni meteo in Italia

E’ vicina all’apice questa nuova ondata di caldo che avrà temperature massime che toccheranno i 46°C in Sicilia. La situazione però sta per cambiare, infatti, all’inizio di luglio l’anticiclone perderà colpi. Fondamentale l’insistenza del flusso instabile atlantico che riuscirà quindi a far breccia sulla bolla africana. Il team del sito www.iLMeteo.it informa che fino a sabato 3 luglio il sole sarà prevalente su gran parte delle regioni, i temporali, localmente molto forti, interesseranno dapprima le Alpi e le Prealpi occidentali e poi anche quelle orientali, localmente pure le pianure.

ADDIO CALDO, ARRIVA IL FRESCO LUGLIO

Le temperature, già in contenuta diminuzione al Centro-Nord, raggiungeranno il picco di caldo al Sud tra mercoledì e giovedì con oltre 40°C in Puglia e in Calabria. Fino a 46°C in Sicilia (provincia di Siracusa). Dopodiché inizieranno gradualmente a calare. Da domenica avverrà il cambio di circolazione. Ci sarà aria più fresca di origine atlantica che riuscirà a sfondare al Nord, mescolandosi con quella molto calda preesistente creerà un mix micidiale per la formazione di violenti temporali con grandine e possibili trombe d’aria. Assieme ai temporali ci sarà il crollo delle temperature che perderanno circa 10°C rispetto a questi giorni. Nei giorni successivi il maltempo si sposterà verso il Centro-Sud, ancora con temporali di eccezionale intensità.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.