Muore tra le braccia della madre, Claudia era stata in ospedale poco prima ma per i medici stava bene

Sarà l’autopsia a stabilire le cause della morte di Claudia Giorni, 53 anni, avvocato del foro di Siena, morta improvvisamente nella sua abitazione all’alba di ieri a Chianciano, davanti alla madre. Due giorni prima, lunedì, era statta tutto il giorno al pronto soccorso dell’ospedale di Nottola (Siena). Secondo quanto raccontato dal fratello Stefano Giorni, la donna lunedì mattina “non stava bene. Accusava dolore al braccio, forte, anche al petto”. “Inoltre aveva vomitato”, aggiunge spiegando che dopo le 16 i sanitari di Nottola l’avevano dimessa. Mercoledì stava ancora male “ha lavorato da casa perché non si era ripresa”, prosegue il fratello. I familiari – scrive l’Ansa – vogliono capire le cause del decesso e per questo hanno già presentato una denuncia alla procura di Siena e contattato un medico legale di Arezzo, Maurizio Bellucci, perché sia presente quando sarà effettuata l’autopsia.