Niente reddito di cittadinanza nel 2020 per chi non aggiorna l’Isee: come fare per non perdere il sussidio

Non sono ancora in tanti a saperlo, ma nel 2020 potrebbe esserci una grossa riduzione dei percettori del reddito di cittadinanza. Non è una scelta politica, ma una motivazione meramente tecnica. Il sussidio sarà, infatti, garantito dal 2020 solo se si aggiorna l’Isee alla scadenza del periodo di validità dell’indicatore. In caso contrario, come previsto dal decreto 4/2019 poi convertito in legge 26/2019, il reddito di cittadinanza verrà momentaneamente sospeso.

Secondo l’articolo 5, infatti, “i requisiti economici di accesso al RdC […] si considerano posseduti per la durata dell’attestazione ISEE in vigore al momento della presentazione della domanda […] ferma restando la necessità di aggiornare l’ISEE alla scadenza del periodo di validità dell’indicatore”.

Non tutti sanno che dal 2019 la validità delle attestazioni ISEE è cambiata. Sia quelle rilasciate nel mese di gennaio che ad agosto, sono infatti in scadenza il 31 dicembre del 2019 e quindi, la nuova DSU ai fini di rinnovo.. ISEE va presentata a partire dal 1° gennaio del 2020.

Una volta aggiornato l’ISEE, e accertato il mantenimento dei requisiti economici previsti dalla legge, si potrà godere del. I reddito di cittadinanza fino alla scadenza naturale senza dover fare una nuova domanda.

Niente reddito di cittadinanza nel 2020 per chi non aggiorna l’Isee: come fare per non perdere il sussidio

Secondo l’articolo 5, infatti, “i requisiti economici di accesso al RdC […] si considerano posseduti per la durata dell’attestazione. in vigore al momento della presentazione della domanda […] ferma restando la necessità di aggiornare alla scadenza del periodo di validità dell’indicatore”.

Secondo l’articolo 5, infatti, “i requisiti economici di accesso al RdC […] si considerano posseduti per la durata dell’attestazione. ISEE in vigore al momento della presentazione della domanda […] ferma restando la necessità di aggiornare alla scadenza del periodo di validità dell’indicatore”.

Non tutti sanno che dal 2019 la validità delle attestazioni è cambiata. Sia quelle rilasciate nel mese di gennaio che ad agosto, sono infatti in scadenza il 31 dicembre del 2019

Secondo l’articolo 5, infatti, “i requisiti economici di accesso al RdC […] si considerano posseduti per la durata dell’attestazione in vigore al momento della presentazione della domanda […] ferma restando la necessità di aggiornare l’ISEE alla scadenza del periodo di validità dell’indicatore”.

Secondo l’articolo 5, infatti, “i requisiti economici di accesso al RdC […] si considerano posseduti per la durata dell’attestazione ISEE in vigore al momento della presentazione della domanda […] ferma restando la necessità di aggiornare alla scadenza del periodo di validità dell’indicatore”.

Non tutti sanno che dal 2019 la validità delle attestazioni ISEE è cambiata. Sia quelle rilasciate nel mese di gennaio che ad agosto, sono infatti in scadenza il 31 dicembre del 2019