Comprò zucchero al posto della cocaina, condannati killer e gli altri imputati

Ieri sera la Cassazione ha definitamente condannato gli imputati per l’omicidio di Giuseppe Raucci. Come riporta La Nazione il 48enne fu ucciso il 9 dicembre 2015 in un residence di Tirrenia. Il cadavere fu trovato il giorno dopo accanto alla superstrada Firenze-Pisa-Livorno all’altezza dell’uscita di Ginestra Fiorentina.

I giudici della Suprema Corte hanno confermati 20 anni di reclusione per Giovanni Zaccuri, ritenuto l’esecutore materiale dell’omicidio; condannati a 18 anni 7 mesi e 10 giorni Carmine Balzano e a 17 anni 3 mesi e 10 giorni Emilio Tropea.

Secondo la ricostruzione degli investigatori l’omicidio era maturato nell’ambiente del traffico di droga. Raucci con il dominicano Amin Rincon, avrebbe fatto il mediatore di una partita di cocaina da far giungere dalla Colombia. Lo stupefacente doveva essere messoa disposizione di due gruppi i calabresi di base a Prato con Zaccuri e Tropea, e quello dei livornesi con Cambi e Balzano e altri complici.

L’affare andò male perché a Raucci e Rincon fu consegnato zucchero anziché cocaina. I committenti avrebbero preteso che fosse Raucci a saldare il debito di 35mila euro, cosa che non fece, e per questo sarebbe stato punito con un’esecuzione.