Il tribunale di Napoli – sezione per l’applicazione di misure di prevenzione – ha rigettato la richiesta di sorveglianza speciale per cinque anni e la confisca di beni mobili case e società a carico di Attilio Cesarano. L’uomo, imprenditore di Calvizzano nel settore delle pompe funebri, è difeso dall’avvocato Luca Gili le cui argomentazioni sono state dunque pienamente accolte.

Lo scorso luglio Cesarano era stato assolto dai vari capi di imputazione perché il fatto non sussiste e per non aver commesso il fatto. Il pm Henry John Woodcock aveva chiesto per lui tre anni e sei mesi. L’inchiesta era nata dalle dichiarazioni di Angelo Tarantino, un altro imprenditore del settore delle pompe funebri che aveva denunciato il monopolio dei Cesarano.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.