Coronavirus a Napoli, chiuse le prime pasticcerie: vendevano casatielli e pastiere

L’ordinanza di De Luca è chiara. Non si possono commercializzare prodotti di pasticceria ed è vietata la vendita dei prodotti al taglio. Di conseguenza, le forze dell’ordine si sono già messe in azione per scoprire pasticcerie e panetterie fuorilegge. Sono arrivate, infatti, le prime multe da 400 euro ma soprattutto le prime chiusure forzate. È stato imposto il blocco della vendita per una pasticceria del Vomero e per una panetteria del Rione Alto, mentre per altre attività commerciali sono scattate solo sanzioni. A riportare la notizia è Il Mattino.

Ovviamente, i controlli, andranno avanti a tappeto e incessantemente.