“Dobbiamo rimanere concentrati e manterremo il massimo del rigore anche nelle prossime settimane”. Lo ha detto il presidente della Giunta regionale della Campania. Vincenzo De Luca, parlando dell’emergenza Covid nel corso di un collegamento streaming con i dipendenti dell’Asl Napoli 2 Nord.  Sull’apertura delle scuole a gennaio De Luca ha detto che “decideremo nei prossimi giorni il da farsi. Ma voi sapete e meglio di me che quello di gennaio è un periodo molto delicato”

Scuole chiuse in Campania: «Ipotesi 14 gennaio per il ritorno in classe»

A gennaio il rientro in aula in Campania sarà graduale e progressivo. È questa la proposta che l’assessore regionale all’Istruzione Lucia Fortini lancerà alle prossime riunioni con l’Unità di crisi per l’emergenza Covid prima del 7 gennaio. Un modo, quindi, per evitare l’impennata di casi in ambito scolastico come avvenuto a inizio ottobre, poochè nelle ultime settimane la curva è scesa. E in tal senso, come richiesto dal premier Conte nell’ultimo decreto legge, la Prefettura ha approvato il piano per la mobilità che, come riportato dal sito de Il Mattino, prevede la differenziazione degli orari d’ingresso e di uscita nelle scuole secondarie superiori oltre all’implementazione dei servizi del trasporto pubblico locale. Oltre alla rimodulazione degli orari di servizio di uffici pubblici e negozi nell’area metropolitana, impiego di personale della Protezione civile negli hot spot dei trasporti e scuole. Inoltre la sosta gratuita per i lavoratori della scuola secondaria.

Il governatore De Luca è stato chiaro, nei giorni scorsi ha più volte sottolineato che riguardo la ripresa delle attività in presenza a gennaio ci sarà «massimo rigore per poter aprire tutti, ma per sempre, non fare finta di aprire per tre giorni e poi prolungare l’epidemia per altri tre mesi».

Seguici Sui Nostri Canali Social

Rimani Aggiornato Sulle Notizie Di Oggi

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.