De Luca sposta il picco dei contagi: “A fine aprile, poi la curva discendente fino a 0”

Il Governatore Vincenzo de Luca è intervenuto dando gli aggiornamenti del contagio sul coronavirus. “In Campania contagiati soggetti più giovani, in parte è dovuto ai rientri dal Nord. In questi giorni abbiamo avuto problema in relazione interpretazione del Ministero dell’Interno sulla possibilità di passeggiare. Abbiamo contrastato questa ipotesi. Chi controlla 500 genitori che passeggia? Chi controlla la distanza di un metro? Non abbiamo bisogno di consultare psicologi per capire che la situazione è pesante anche per i bambini: la priorità è la vita delle persone. Più siamo disinvolti più questo calvario durerà mesi mesi. Stringiamo i denti altri 10 giorni“.

Il presidente della Regione Campania ha parlato anche sulla futura diffusione: “Stiamo governando in tranquillità e siamo in media con le previsioni dell’algoritmo. Abbiamo 2667 pazienti ma non sono cresciuti i ricoveri nelle terapie intensive. Su questo dato stanno riflettendo i nostri virologi e infettivologi: è probabile che il virus in questi 40 giorni abbia perduto una parte della sua aggressività. – ha dichiarato poi De Luca– Puntiamo ad avere il picco in Regione, e quindi l’inizio della curva discendente, tra fine aprile e inizio maggio. Significa avviarci verso una riduzione dei contagi fino allo zero. Speriamo che a breve arrivino le altre 300 unità delle forze armate che abbiamo richiesto“.