decreto sostegni bis mario draghi conferenza stampa
Foto di archivio

Oggi pomeriggio Mario Draghi ha tenuto una conferenza stampa nella Sala Polifunzionale della Presidenza del Consiglio per dare dettagli sul decreto Sostegni-bis. “Previsti circa 40 miliardi di euro. Per i giovani c’è un ampia parte del decreto, in particolare la possibilità di comprare una casa: imposta di registro e mutuo sono state cancellate e questo vale per tutti i giovani, per i meno abbienti, con Isee credo fino a 40mila euro, c’è anche la garanzia dello stato sull’80%” del mutuo. Il premier ha sottolineato che sarà «Più facile per tutti i giovani comprare casa e costruirsi una famiglia e dare quell’elemento di sicurezza che manca oggi”. Inoltre i giovani hanno bisogno di un sistema di welfare che li sostiene“, ha detto il premier.

Sono intervenuti il Ministro dell’Economia e delle Finanze, Daniele Franco, e il Ministro del Lavoro, Andrea Orlando. “Contratto rioccupazioni prevede un lavoro subordinato a tempo indeterminato e collegato allo sgravio 6 mesi. Rafforzamento del contratto di solidarietà. Allargamento contratto espansione. Sgravio contributivo”, dichiara Orlando.

DECRETO SOSTEGNI-BIS PRESENTATO DA DRAGHI

Stamattina il Consiglio dei ministri ha approvato il decreto Sostegni bis. Previsti i ristori a fondo perduto dal decreto ammontano complessivamente a 17 miliardi. Per i ristori automatici identici a quelli del primo dl sostegni sono stanziati 8 miliardi di euro, per quelli (alternativi) che emergono dal confronto del fatturato tra il periodo dal primo aprile 2020 al 31 marzo 2021 e il periodo dal primo aprile 2019 al 31 marzo 2020 sono stanziati 3,4 miliardi. Inoltre ci sono i cosiddetti ristori “a conguaglio” calcolati sul risultato d’esercizio i fondi ammontano a 4 miliardi di euro.

ATTIVITÀ CHIUSE

Il provvedimento contiene i ristori a fondo perduto, misure per la liquidità, un pacchetto per il lavoro, il rifinanziamento del Rem. Fino ad uno stanziamento ad hoc di 100 milioni per le attività chiuse e fondi a favore di agriturismi e aziende vitivinicole.

TURISMO 

Sarebbero 3,340 miliardi fondi destinati al settore che si aggiungono al miliardo e 700 milioni del Decreto Sostegni. Sono previste risorse per la montagna, gli operatori, le città d’arte, gli stagionali, le agevolazioni contributive, il credito d’imposta per canoni locazione e il credito d’imposta bis. Gli aiuti puntano a sostenere le agenzie di viaggio e i tour operator, le guide turistiche e le imprese del settore. Confermato anche l’ampliamento del bonus vacanze, che si potrà usare anche nelle agenzie di viaggio e presso i tour operator. Per il rilancio della attrattività turistica delle città d’arte, viene istituito presso il ministero dei Beni culturali un fondo da 50 milioni di euro, sempre nel 2021. Riguarda i territori dove si trovano siti riconosciuti dall’Unesco patrimonio mondiale dell’umanità. Ai lavoratori stagionali del turismo, degli stabilimenti termali, dello spettacolo e dello sport sarà riconosciuta un’indennità una tantum di 1.600 euro.

LOTTA AL COVID

Arrivano per il 2021 altri 1,65 mld per il commissario straordinario all’emergenza Covid. Una spesa di 5,8 milioni è autorizzata per istituire, con la vigilanza del ministero della Salute e il coordinamento dell’Iss. Prevista una sorveglianza sistematica del Covid e delle sue varianti nelle acque reflue (2,5 mln nel 2021 e 3,3 mln nel 2022).

VACCINI

“Le regioni e province autonome possono prevedere anche il coinvolgimento degli erogatori privati accreditati nell’attività di somministrazione dei vaccini” contro il Covid, recita un comma nella bozza che dà copertura normativa, a quanto spiegano fonti governative, all’attività di somministrazione di vaccini già in atto anche con il coinvolgimento della sanità privata. Viene consentito di effettuare la somministrazione anche in deroga alla quota ora assegnata per i vaccini. Alle imprese che effettuano attività di ricerca e sviluppo per farmaci innovativi, inclusi i vaccini, spetta un credito d’imposta del 20%. Fino a 20 milioni di euro annui, dei costi sostenuti dal primo giugno 2021 al 31 dicembre 2030. Il credito d’imposta viene erogato “a condizione che il beneficiario dell’aiuto si impegni a concedere licenze non esclusive a condizioni di mercato non discriminatorie a terzi nello Spazio economico europeo”.

GRANDI IMPRESE

Arrivano una serie di rifinanziamenti di fondi istituiti durante la pandemia a favore di imprese e settori colpiti dalla crisi economica. Nella bozza compaiono 200 milioni di euro per il Fondo a sostegno delle grandi imprese nato con il Cura Italia, 100 milioni per il fondo di compensazione a favore del settore aereo e 300 milioni per quello di sostegno al settore aeroportuale. Per sostenere la ripresa del traffico ferroviario è inoltre autorizzata l’ulteriore spesa di 150 milioni per il 2021 a favore di Rfi, anche per ridurre il canone per l’utilizzo dell’infrastruttura ferroviaria. Vengono rifinanziati con un totale di 1,6 miliardi gli strumenti di sostegno all’internazionalizzazione delle imprese.

BANCHE 

Salta la proroga degli incentivi per le aggregazioni delle imprese, comprese le banche, e l’ampliamento della percentuale di Dta da trasformare in credito d’imposta (quella che era stata ribattezzata ‘norma Mps’ perché si può applicare anche alle operazioni tra banche). Rimane invece un nuovo intervento sulla cessione dei crediti deteriorati, con la proroga degli incentivi fino alla fine del 2021 e la previsione che il limite di 2 miliardi valga “per ciascuno degli anni 2020 e 2021”. Confermato rispetto alle bozze anche il rafforzamento dell’Ace per la patrimonializzazione delle imprese.

CARTELLE ESATTORIALI

Arriva uno stop per altri due mesi: la macchina della riscossione resterà ferma ancora fino al 30 giugno e ripartirà quindi dal 1 luglio. Resteranno validi, però, gli eventuali provvedimenti adottati o gli adempimenti svolti dall’Agenzia della Riscossione tra il 1 maggio e l’entrata in vigore del decreto. Confermata nella bozza lo slittamento della plastic tax al 1 gennaio 2022.

ENTI TERRITORIALI

Con un fondo istituito presso il ministero dell’Interno “arrivano 500 milioni” per i Comuni che “hanno peggiorato il disavanzo di amministrazione al 31 dicembre 2019 rispetto all’esercizio precedente”. Il decreto prevede inoltre un contributo da 100 milioni, nel 2021, per il mancato incasso della tassa di soggiorno comunale.

LAVORATORI DELLO SPETTACOLO 

C’è anche una misura che incide sul welfare per i lavoratori dello spettacolo estendendo le tutele ai soggetti più deboli nel Dl sostegni approvato dal Cdm. “Quella di oggi è una giornata storica per il settore dello spettacolo – dice Franceschini – Con il ministro del Lavoro Orlando un pacchetto di misure significative per assicurare adeguate tutele assistenziali e previdenziali ai lavoratori dello spettacolo e correggere le numerose storture emerse negli ultimi anni e divenute non più sostenibili soprattutto dopo la pandemia”

RISTORANTI E WEDDING 

Aumenta di 120 milioni il fondo da 200 milioni istituito dal decreto Sostegni per dare supporto alle attività particolarmente colpite dal Covid come quelle di ristorazione nei centri storici e di organizzazione di matrimoni. Lo prevede la bozza del decreto Sostegni bis, che destina 20 milioni a parchi tematici, acquari, parchi geologici e giardini zoologici. Aumenta inoltre di 50 milioni per il 2021 (da 45 a 95 milioni) e di 105 milioni per il 2022 (da 45 a 150 milioni) il credito d’imposta per le rimanenze di magazzino nel settore tessile, della moda e degli accessori.

AGRICOLTURA

Nel decreto Sostegni bis è previsto un pacchetto da 2 miliardi per l’agricoltura. Per l’indennità operai lo stanziamento è di 448 milioni. Previsti 72,5 milioni di euro per l’esonero dei contributi previdenziali e assistenziali dei datori di lavoro e lavoratori autonomi delle aziende agricole appartenenti ai settori agrituristico e vitivinicolo, comprese le aziende produttrici di vino e birra. 27,5 milioni di euro per il sostegno alla zootecnia mediante l’incremento al 9,5% delle percentuali di compensazione IVA applicabili alle cessioni di bovini e suini vivi.

CONCORSO PER PROF MATERIE SCIENTIFICHE

Un concorso accelerato, solo per il prossimo anno scolastico, per immettere a ruolo circa 3mila prof delle materie scientifiche e tecnologiche (Stem). Lo prevede la bozza del decreto Sostegni bis che contiene diverse norme sulla scuola, compreso uno stanziamento complessivo da 470 milioni per l’avvio in sicurezza dell’anno scolastico a settembre. L’accelerazione sulle materie Stem, si legge, è in linea con gli obiettivi del Recovery Plan e nel dettaglio prevede di assegnare 282 cattedre di fisica, 1005 per insegnanti di matematica, 815 di entrambe le materie e 903 di scienze e tecnologie informatiche.

CENTRI ESTIVI

Arrivano 135 milioni per sostenere le famiglie con “opportunità educative rivolte ai figli”. Lo stanziamento è previsto nella bozza del decreto Sostegni bis all’esame del consiglio dei ministri. Le risorse confluiranno nel Fondo per le politiche della famiglia e saranno destinate “al finanziamento delle iniziative dei comuni, da attuare nel periodo 1 giugno-31 dicembre 2021. Anche in collaborazione con enti pubblici e privati, di potenziamento dei centri estivi, dei servizi socioeducativi territoriali e dei centri con funzione educativa e ricreativa destinati alle attività dei minori”.

TRASPORTO LOCALE

“Governo e Regioni, in vista del varo del Decreto Sostegni bis, hanno raggiunto un accordo importante per settori fondamentali per la vita dei cittadini. Quella odierna è davvero una pagina esemplare sul piano della leale collaborazione istituzionale”, dichiara il Presidente Massimiliano Fedriga dopo la Conferenza delle Regioni e delle Province autonome in merito al decreto Sostegni-bis. Tra i vari punti “un’accelerazione della campagna vaccinale con il coinvolgimento degli erogatori privati accreditati” e per il trasporto pubblico locale un incremento delle risorse di “500 milioni, di cui 450 per l’erogazione dei servizi aggiuntivi necessari”.

ASSUNZIONE MEDICI

“Nel nuovo decreto Sostegni-bis abbiamo previsto l’assunzione a tempo indeterminato di una prima quota di medici e tecnici della prevenzione nei luoghi di lavoro”. Lo annuncia il ministro della Salute Roberto Speranza uscendo da Palazzo Chigi al termine del Consiglio dei ministri sul decreto Sostegni bis. A regime, il decreto legge stanzia 10 milioni. “È un segnale giusto proprio oggi nel giorno in cui ricorre il quarantunesimo anniversario dello statuto dei lavoratori, una delle norme più importanti del nostro Paese”, sottolinea Speranza.

SCUOLA

“Il decreto Sostegni-bis approvato dal Consiglio dei Ministri contiene finalmente l’avvio del concorso ordinario. Sono oltre 500 mila i candidati che attendevano speranzosi questa importantissima notizia. La procedura partirà subito ma sarà graduale, si comincia infatti con i docenti di materie STEM, di cui c’è grande penuria, per poi proseguire di seguito con le altre figure. La gradualità permette di concludere l’intera procedura entro il prossimo anno scolastico. Consente anche di avere tutti i vincitori del concorso ordinario in cattedra a settembre 2022”, lo dice il sottosegretario all’Istruzione Barbara Floridia.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.