Orrore nella clinica del Casertano, è di Casandrino l’uomo soffocato con l’ovatta

La polizia ha fermato un uomo di Afragola, paziente di una clinica per persone con problemi psichiatrici di San Leucio (frazione collinare di Caserta), accusato di aver ucciso un altro paziente della medesima strutturo soffocando, probabilmente, con dell’ovatta. La vittima è originaria di Casandrino e sarebbe stata soccorsa dai sanitari in quanto non riusciva a respirare. I medici hanno estratto dalla sua bocca dell’ovatta ed hanno trasportato l’uomo all’ospedale di Caserta, dove è però deceduto a causa di una grave crisi respiratoria.

La polizia, giunta sul posto dopo la segnalazione dei sanitari, ha iniziato ad indagare trovando subito il responsabile. Alla base del delitto pare ci sia una lati tra i due. L’omicida è stato condotto al carcere di Santa Maria Capua Vetere, nel reparto destinato a persone con problemi psichici.