Operazione anticamorra dei carabinieri: scacco al clan della “167”. Finisce in manette pezzo da 90 degli
Amato-Pagano. Arrestato il latitante Domenico Russo alias ’o mussut. I militari dell’Arma lo hanno sorpreso eri a Grumo Nevano.
Russo, ritenuto contiguo al clan operante sul territorio di Arzano e costola degli
Amato-Pagano, era ricercato da quando era riuscito a sottrarsi al blitz che il 15 marzo scorso aveva già
portato dietro le sbarre Pietro e Pasquale Cristiano, Raffaele Liguori, Renato Napoleone, Francesco Paolo
Russo e Angelo Antonio Gambino. Tutti accusati a vario titolo anche di episodi estorsivi. Mentre Renato
Napoleone, (ritenuto dagli inquirenti reggente degli Amato-Pagano), Francesco Paolo Russo e Angelo
Antonio Gambino sono accusati del duplice omicidio Casone-Ferrante commesso ad Arzano nel febbraio del
2014. Il blitz dei carabinieri è scattato all’alba di ieri in via Berlinguer, dove una ventina di militari hanno
preso d’assedio l’abitazione in cui si nascondeva il latitante che vistosi scoperto, non ha potuto fare altro che
arrendersi.
Russo faceva parte del gruppo di melitesi che dopo l’omicidio del boss Ciro Casone avevano deciso di
“prendersi Arzano” imponendo il pizzo a tutti. Tre rate da pagare a Natale, Pasqua e Ferragosto imposte da
Giuseppe Monfregola, detto ’o uallarus, che invitava chi non si “adegua- va” al nuovo sistema, di mettersi “a
posto con gli amici di Arzano” e che le cose erano cambiate e che sarebbero dovuti recare presso l’abitazione
di Pietro Cristiano, presso le palazzine della “167 di Arzano”. Insomma, quello che sta emergendo dalle
indagini segna un punto di svolta anche sulla gestione degli affari illeciti del nuovo clan che non ha risparmiato
proprio nessuno

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.