Emma Marrone, il Tg1 intervista l’oncologo sul tumore alle ovaie

Emma Marrone e Paola Turci

Qualche giorno fa Emma Marrone ha fatto sapere ai suoi fan di doversi allontanare per un breve periodo dal mondo della musica per un problema di salute. La cantante salentina non ha mai specificato la natura del suo male. Però oeor il Tg1 “ha deciso” che l’artista stia nuovamente affrontando una battaglia contro il tumore alle ovaie. Già nel 2012 aveva presentato una recidiva.

Nel servizio dedicato alla diminuzione nell’ultimo anno delle neoplasie in Italia, il medico intervistato, Francesco Cognetti, direttore del Dipartimento Oncologico dell’Istituto Nazionale Regina Elena, ha fatto gli auguri di pronta guarigione alla Marrone.

Le dichiarazioni

“Sempre più giovani vediamo colpiti da tumore, ultimo il caso di Emma Marrone”. Questo è ciò che ha sottolineato la giornalista del servizio Ada De Santis. “Alcuni tumori sono frequenti anche nell’età giovanile”, ha replicato quindi il medico. “Noi auguriamo a EmmaMarrone una pronta guarigione. Sappiamo dalle notizie che sono state diffuse che è affetta fortunatamente da una neoplasia abbastanza sensibile ai trattamenti medici in cui anche la chirurgia può giocare un ruolo fondamentale”. Queste le parole del direttore di Oncologia.

Nessuna conferma

Praticamente tutti hanno immediatamente pensato al tumore. Tanti. messaggi di sostegno che sono giunti dalla conduttrice Maria De Filippi, dall’ex fidanzato Marco Bocci, e da tanti altri volti noti. Ma fino a questo momento la bionda non ha rivelato che la malattia sia a tutti gli effetti tornata. Eppure per il TG1 lo stop improvviso è dovuto proprio al tumore.

L’equivoco di Paola Turci su Emma Marrone

Su Instagram spunta un equivoco che vede protagonista Paola Turci. La cantautrice ha pubblicato alcune Instagram Stories un po’ enigmatiche. Diversi follower hanno creduto che si riferisse allo stato di salute della sua amica Emma Marrone. Qualcuno ha ipotizzato addirittura che la cantante salentina fosse stata sottoposta a un’operazione.

 «Non parlavo di lei, scusatemi»,