giuseppe omicidio greco
La foto di Chirollo e Romano

Giuseppe Grieco è ritenuto responsabile dell’investimento dei due rapinatori di Sant’Antimo, Domenico Romano e Ciro Chirollo. Il 26enne di Marano ha aggiunto importanti dettagli sulla rapina avvenuta ieri sera su via Antica Consolare Campana tra Marano a Villaricca.

A Grieco avevano rubato un prezioso orologio sotto la minaccia di una pistola puntata. Dopodiché a bordo di una Smart For 4 ha inseguito per centinaia di metri i due rapinatori per poi scaraventarli a terra una volta raggiunti. Come riporta TgCom24 è indagato per omicidio volontario il 26enne Giuseppe Greco. Secondo le ricostruzioni investigative delineate finora, ha inseguito e speronato lo scooter con a bordo due uomini che lo avevano appena rapinato del rolex, facendoli rovinare sull’asfalto e uccidendoli.

Secondo quanto riferito dall’avvocato Domenico Della Gatta: “All’esito dell’interrogatorio, il mio assistito ha escluso di essere stato lui a investire i due rapinatori, proprio perché, il gruppo, composto probabilmente da più persone, si impossessava anche della vettura”.

LA RICOSTRUZIONE DI GIUSEPPE GRIECO

In queste ore Grieco sta ricostruendo quegli attimi che hanno portato alla tragedia. Ha raccontato che dopo averli inseguiti e scaraventati al suolo è finito con l’auto contro un muro e si è dato alla fuga per poi presentarsi in caserma. Al vaglio degli investigatori la probabilità che Giuseppe dopo averli scaraventati a terra sia passato con l’auto sui corpi dei due rapinatori già a terra.

Ricordiamo, le persone morte sono entrambe di Sant’Antimo. Il tentativo di rapina e il successivo inseguimento è avvenuto a Marano al confine con Villaricca, in via Antica Consolare Campana. Sul posto sono stati trovati un orologio Rolex, probabilmente sottratto alla vittima, e una pistola.

Per seguire tutte le notizie collegati al nostro sito oppure vai sulla nostra pagina Facebook

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.