Grande Fratello Vip, le 'principesse' della casa hanno mentito: «Il padre è in carcere»
Grande Fratello Vip, le 'principesse' della casa hanno mentito: «Il padre è in carcere»

Eccolo il primo vero e proprio colpo di scena nella casa del Grande Fratello Vip. Le sorelle Lulù, Jessica e Clarissa Selassié, presentate come ‘principessine’ del reality, non sarebbero per niente le pronipoti dell’ultimo Imperatore di Etiopia, Hailè Selassiè. Stando a quanto riportato dal settimanale ‘Oggi‘, infatti, le tre non avrebbero alcuna discendenza reale, ed il padre sarebbe detenuto in carcere per una truffa milionaria.

La bugia delle sorelle al Grande Fratello Vip

Le tre sorelle, dunque, non avrebbero il nobile sangue blu che dicevano scorresse nelle vene. E, in più, il signor Aklile Berhan Makonnen Hailé Selassié sarebbe stato arrestato a Lussemburgo a giugno ed estradato da alcune settimane in Svizzera, dove dovrà scontare almeno tre mesi di carcere per una truffa da 10 milioni di franchi. Inoltre, lo stesso padre delle ragazze, non avrebbe nessuna discendenza reale ed il suo vero nome – come svelato dal mandato di catturo – sarebbe Giulio Bissiri.

La storia del padre delle tre ‘principessine’

Giulio era figlio di un giardiniere italiano che lavorava nel palazzo imperiale di Hailé Selassié. Lui giocava con i nipoti del re ed era considerato come uno di famiglia: “Rientrato in Italia – spiega il settimanale –  ha vissuto il sogno di recuperare l’immenso tesoro del Negus. Fu così che convinse alcuni discendenti legittimi di Hailé Selassié, ormai poveri in canna che vivevano in vari Paesi, a firmargli una delega. E, inoltre, a chiudere un occhio sulla sua affermata discendenza dal duca di Harar, secondogenito dell’imperatore. Riuscendo infine a far modificare i suoi documenti e a farsi passare per il terzo nella successione imperiale etiope”.

 

 

 

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.