Indagine dell’Antimafia sui funerali dei Cesarano, i nomi delle 7 pompe funebri sequestrate

Ieri mattina la compagnia di Marano, a conclusione di una mirata indagine, ha eseguito decreti di perquisizione e sequestri, delegati dalla DDA di Napoli, a carico di sette imprese funebri di proprietà o comunque riconducibili alla famiglia Cesarano, originaria dell’hinterland partenopeo e impegnata da generazioni nei servizi mortuari.

I nomi delle aziende sono Organizzazione funebre Cesarano, Trincone Massimo, La Fenice, Cesarano Trasporti Funebri, Eredi Cesarano, A.C. Cesarano e Cesarano funeral flegrea. Sono 21 le persone indagate, a vario titolo, per illecita concorrenza con minaccia aggravata dal metodo mafioso e trasferimento fraudolento di valori nell’inchiesta – condotta dai carabinieri di Marano e coordinata dai magistrati della Dda Di Mauro e Ardituro – sulle aziende riconducibili alla famiglia Cesarano.

L’indagine è partita dai pubblici ministeri Antonello Ardituro e Maria Di Mauro, coordinati dal procuratore aggiunto Giuseppe Borrelli. I controlli sono stati effettuati anche a Salerno, Caserta, Avellino e Frosinone a ditte di onoranze ritenute “in affari” con la suddetta famiglia. I militari guidati dai capitani Francesco Tessitore e Gabriele lo Conte hanno esaminando i documenti relativi alle ultime esequie sul territorio.