Lettera di un neomelodico dal carcere: “Nella mia vita ho sempre lavorato…..”

andrea zeta neomelodico arrestato

E’ stata pubblicata una lunga lettera sulla fanpage Andrea Zeta di Facebook. Il cantante neomelodico, all’anagrafe Filippo Zuccaro, è stato arrestato nel blitz della polizia nello scorso 20 marzo. “Ciao a tutti, sono Andrea, vorrei che leggete la mia triste storia, questa lettera la dedico prima di tutto ai miei fan e poi la dedico a chi mi ha distrutto la vita, a partire dalla procura di Catania che ha fatto questo torto a me che nella mia vita ho sempre lavorato, ma soprattutto ora che ero amato da migliaia di persone.. e poi la dedico ai giudici che hanno segnato la mia vita giudicandomi nel modo più assurdo definendomi (mafioso). – continua il cantante – Dopo la confisca della mia attività me ne sono andato da Catania trasferendomi a Napoli e poi a Bari per intraprendere una nuova vita con la musica .. oggi ero riuscito ad avverare i miei sogni, quello di diventare un artista affermato e amato. Però questo sogno si è distrutto, anzi me l’hanno distrutto“.

LA LETTERA INTEGRALE