Marano, rimosso dopo 15 anni il contenitore della vergogna in via Nuvoletta

Il contenitore rimosso

E’ stato rimosso nel fine settimana, in Via Salvatore Nuvoletta, un contenitore di ferro saldamente ancorato al suolo un vecchio ed arrugginito contenitore che, da quanto si apprende da fonti interne al Comune, si troverebbe lì da circa un decennio. Il contenitore sarebbe stato istallato abusivamente da un edicolante di Via San Rocco che per evitare di aprire troppo presto la mattina la sua “bottega” aveva ben pensato di lasciare in Via Nuvoletta il contenitore per consentire al corriere addetto alla distribuzione dei quotidiani di lasciare li riviste e giornali. La piccola cassaforte abusiva che nel tempo è stata abbandonata dal suo proprietario e che si trova a pochi passi dal Comune, dalla Compagnia dei Carabinieri, dall’ex Tribunale e da numerosi uffici, ha sfidato non solo le intemperie, ma i vari sindaci e commissari che si sono succeduti negli anni. Nessuno si era mai accorto dell’abuso. Ad eccezione dell’occhio vigile del Sovraordinato all’Area Ambiente Vigilanza e Territorio Angelo Covino, che ha subito sollevato il caso e ha permesso ai tecnici comunali di aprire il contenitore dove all’interno è stata trovata una micro discarica contente materiale elettorale molto vecchio e rifiuti vari. Ad attivarsi, oltre al Sovraordinato Covino, è stato il R.U.P. all’Igiene Urbana del Comune di Marano Vittorio Iorio, che ha subito inviato una squadra tecnica a rimuovere l’abuso e ad intimare alla ditta di smaltimento dei rifiuti di togliere il materiale di scarto. Materiale che sarà rimosso nelle prossime ore.