“Oggi il Covid ci ha strappato via un grande collega, buono, amorevole, scrupoloso e attento, insomma un vero Medico”. Così l’associazione Nessuno Tocchi Ippocrate ha salutato Mario Della Calce, noto medico di famiglia e gastroenterologo napoletano. E’ l’ennesima vittima del Covid dopo Mario Avano, endocrinologo e medico di famiglia molto conosciuto nel quartiere Barra. La notizia ieri ha suscitato grande dolore tra amici e pazienti che lo hanno ricordato lasciando fiori accanto alla porta dello studio medico e messaggi sui social network.
Dall’inizio della pandemia sono morti oltre 260 medici per Covid, il prezzo più alto pagato rispetto ai colleghi del resto del mondo. Le categorie di medici e infermieri sono quelle più esposte al contagio, talvolta costretti a fronteggiare quasi a mani nude il covid. Non è un caso, infatti, che i primi vaccini in arrivo in Italia saranno destinati proprio al “fronte” dei sanitari. Una scelta che tutela inizialmente chi guarda “in faccia” il covid quotidianamente. Negli ultimi giorni è cresciuto anche l’allarme dei rappresentati della categoria: i medici sono esausti, molti stanno pensando alle dimissioni.

Nel corso del 2021 sarà coniata una nuova moneta da due euro (il taglio che in alcune circostanze diventa da collezione) dedicata a chi cura e assiste i malati di Covid: medici, infermieri, personale sanitario di ogni genere. Sulla moneta saranno raffigurati un uomo e una donna, entrambi con il camice e la mascherina. Lui con una cartella sotto braccio, lei con uno stetoscopio al collo. Sovrastati da una scritta: grazie. Circondati da una croce rossa stilizzata e da un cuore. Le monete saranno emesse in tre milioni di esemplari (dunque, per un totale di sei milioni di euro) e avranno regolare corso, a differenza di quanto avvenuto in Francia.

 

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.