Morte Maya Gargiulo, la struggente lettera dell’amica: «Sei in paradiso senza di noi»

Maya Gargiulo, la ragazza di 15 anni investita e uccisa a Napoli [Foto d'archivio]
Maya Gargiulo, la ragazza di 15 anni investita e uccisa a Napoli [Foto d'archivio]
Quella di Maya, la ragazza di 15 anni investita e uccisa in piazza Carlo III a Napoli, è una morte che ha scosso e ancora scuote un’intera città. A distanza di giorni, il dolore è ancora tanto. Specie oggi, che è il giorno dei suoi funerali.

La lettera dell’amica dopo la morte di Maya

Dopo la sconvolgente notizia, un’amica di Maya ha voluto scrivere una lettera per omaggiare la 15enne morta dopo l’incidente.

«Sono quasi le due di notte ed e già passato un giorno dalla tua tragica scomparsa amica mia. Ieri verso mezzanotte in piazza Carlo III di ritorno verso casa hai perso la vita per colpa della gente malvivente, ma soprattutto perché non ci sono leggi o magari non ci sono abbastanza luci per vedere la strada. Ma in una strada come quelle, con tante piazzette dove ci sono tanti bambini e genitori, non si può caro giudice andare così veloci. È inaccettabile finire sotto ad un terreno a soli 15 anni per scelta di qualche deficiente. Non è la prima ragazza che muore per un altro essere umano come Maya. È successo anche a Lello, anche ad Ugo, anche a Genny Cesarano, anche a Davide. Le posso fare un elenco che non finisce più. Non è la stessa vicenda ma non vuol dire nulla, adesso basta. Adesso pretendiamo giustizia e pace in questi quartieri ormai maledetti. Le persone sono sempre pronte a puntare il dito con frasi stupide. È stato brutto sentir dire che “A quell’ora in strada non si deve stare”. E allora se era un anziano? O un turista? Di notte si sente la vera anima di Napoli e Maya si stava vivendo le sue serate nel mese di agosto come tutti gli altri. Adesso ha smesso di sorridere, di inseguire i suoi sogni, di viversi la vita appieno. È proprio in questo caso che bisogna unirci e dar tanta forza a tutte le mamme come l’altra notte ne aveva bisogno la mamma di Maya. Angioletto vola insieme a tutti gli altri e date tanta forza alle vostre mamme che ormai si sono spente insieme a voi in quell’istante.
Ti ho conosciuta ed hai fatto parte dei miei giorni per un periodo della mia vita e posso urlare al mondo intero soprattutto alla gente cattiva che non si risparmiano mai cattiverie nemmeno in questi casi che era una ragazza piena di vita con tanta voglia di esplorare il mondo insieme a tutte le sue amiche e invece adesso si trova lì su sola senza le sue amiche ad esplorare il paradiso con gli altri angeli ma li caro essere umano Maya sarà più tranquilla senza la paura di essere sbalzata nel aria nel vuoto perché già lo e. Avevi tanti sogni tra qui diventare una bravissima ballerina ma già lo eri Maya non smettere di sognare e insegna gli angeli a ballare».
Intanto, ai funerali, si è riunita una folla di persone per dare l’ultimo saluto alla 15enne.

PER RESTARE SEMPRE INFORMATO SULL’EMERGENZA CORONAVIRUS, VAI SU INTERNAPOLI.IT O VISITA LA NOSTRA PAGINA FACEBOOK