Lorenzo ucciso a 20 anni dall’anoressia, i genitori: «Ci hanno lasciati soli»

Aveva solo 14 anni quando si è ammalato di anoressia. Dopo 6 anni di alti e bassi Lorenzo Seminatore è morto a Torino. I genitori Francesca e Fabio non ci stanno e vogliono denunciare quanto accaduto al proprio figlio. Una denuncia che sa anche tanto di appello, visto che il papà e la mamma di Lorenzo sperano che raccontare la tragedia, possa aiutare ad evitarne in futuro altre simili.

Anoressia, a 14 anni l’inizio della fine

“E’ inaccettabile che in un Paese come l’Italia non ci siano strutture pubbliche in grado di accogliere e curare questi ragazzi”, hanno spiegato al Corriere della Sera.

Lorenzo ha iniziato a star male quando era al primo anno di liceo scientifico. Ha perso velocemente molti chili, fino ad essere costretto al ricovero due anni più tardi. Al centro di Brusson, in Valle d’Aosta, le cose sono migliorate. Lorenzo ha ricominciato a prendere peso, ma con il sopraggiungere della maggiore età è ripiombato nel baratro.

Lo sfogo della mamma di Lorenzo: «C’è bisogno di prevenzione»

“Abbiamo fatto di tutto per aiutarlo – ha riferito la mamma – Questi ragazzi devono essere curati e non tutti possono permettersi centri privati. Le istituzioni devono muoversi: prima con la prevenzione nelle scuole e poi investendo nella sanità. Mancano anche i percorsi di sostegno alle famiglie”.