giocattoli mugnano casandrino depositi
Frame dei video della Guardia di Finanza

Le Fiamme Gialle del Comando Provinciale dalla Guardia di Finanza di Teramo sequestrati, complessivamente, 3.746.636 giocattoli ed accessori con marcatura “CE”
contraffatta, ritenuti potenzialmente pericolosi per la salute degli acquirenti.

È questo il bilancio di una mirata attività investigativa condotta dai militari della Tenenza di
Roseto degli Abruzzi che, all’esito di un controllo eseguito nei confronti di un esercizio
commerciale gestito da un imprenditore cinese, hanno riscontrato la messa in vendita di
giocattoli ed accessori con marcatura “CE” contraffatta rispetto a quanto disposto dal
regolamento CE n. 765/2008, tale da indurre il consumatore in errore circa l’origine, la
provenienza e la qualità del prodotto.

Successivamente, con il coordinamento della Procura della Repubblica di Teramo, le attività
di polizia giudiziaria sono proseguite anche fuori dalla Regione Abruzzo con il fine di
ricostruire “a monte” ed “a valle” la filiera di importazione e distribuzione ed individuare così ulteriori acquirenti di tali prodotti non a norma.

SCOPERTI I DEPOSITI DEI GIOCATTOLI

I controlli, estesi all’importatore e al distributore hanno condotto i finanzieri rosetani in
provincia di Napoli, dove nei comuni di Mugnano e Casandrino sono stati eseguiti appositi decreti di perquisizione presso due depositi, dove sono state rinvenute e sottoposte a sequestro penale i prodotti irregolari, pronti per la commercializzazione.
Due i responsabili segnalati all’Autorità Giudiziaria per violazione all’art. 474 C.P.
(Introduzione nello Stato e commercio di prodotti con segni falsi).

L’operazione rientra nel quadro di un più ampio piano di intensificazione dei controlli utili a
contrastare efficacemente il fenomeno della contraffazione, inteso come un moltiplicatore di
illegalità in quanto alimenta i circuiti sommersi del lavoro nero, dell’evasione fiscale, del
riciclaggio, della criminalità organizzata. L’azione quotidiana posta in essere dalla Guardia di Finanza è intesa a salvaguardare il tessuto produttivo italiano che, alla luce del particolare momento emergenziale, è divenuto più vulnerabile alle fenomenologie illecite e agli interessi criminali.

IL VIDEO

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.