Rapina fuori la villa comunale di Giugliano, il raid ripreso dalle telecamere

Rapina Giugliano. Un raid rapido, durato appena 20 secondi, quello messo a segno questa mattina, ore 6 circa, in via Primo Maggio a Giugliano. Due malviventi hanno aggredito e rapinato due ragazze mentre facevano footing all’esterno della villa comunale.

I rapinatori in sella ad uno scooter, dalle immagini sembrerebbe modello Sh di colore grigio, prima hanno finto una manovra nel viale adiacente al bocciodromo, poi uno dei due è sceso dal mezzo e rapinato le ragazze. Una delle due malcapitate è stata prima strattonata, poi colpita alla testa con il calcio della pistola. Poco dopo la colluttazione è arrivato il complice e  sono scappati. I due si sono dati alla fuga portando via il cellulare della ragazza. La vittima è stata prontamente trasportata al Pronto Soccorso di Giugliano,  dove è stata medicata con 7 punti di sutura.

Le immagini sono al vaglio dei carabinieri di Giugliano che stanno cercando di ricostruire l’esatta dinamica della rapina per poter risalire agli autori. I militari dell’Arma questa mattina hanno acquisito le immagini di videosorveglianza di alcune attività della zona per acquisire altri elementi che potrebbero essere utili alle indagini.

Rapina a Giugliano

Poche giorni fa un episodio analogo in un’altra zona di Giugliano, in via Dante Alighieri. Una ragazza sotto al portone di casa è stata rapinata da due malviventi che, armati di pistola, le hanno portato via la borsa.

Potrebbe interessarti anche

Banda delle ‘mascherine nere’ in azione sulla Circumvallazione, rapinato automobilista di Melito

Rapinatori armati di pistola e con mascherine nere in azione a Giugliano. Vittima del raid, avvenuto nel prolungamento della Circumvallazione Esterna nei pressi della località Ponte Riccio a Giugliano, un automobilista di Melito. L’uomo è stato prima lampeggiato da una Fiat Punto bianca, dopodiché è stato affiancato e bloccato. A bordo della vettura c’erano tre uomini, uno dei quali è sceso dal veicolo armato di pistola. Prima il bandito ha aperto la portiera dell’auto e dopo ha minacciato il melitese costringendolo a farsi consegnare portafogli e contati.

PER RESTARE SEMPRE INFORMATO VAI SU INTERNAPOLI.IT O VISITA LA NOSTRA PAGINA FACEBOOK