Reddito di cittadinanza a luglio, in arrivo la ricarica della carta

A fine luglio arriverà la ricarica della card del Reddito di Cittadinanza. Si attende che Poste Italiane ufficializzi il giorno dell’accredito. Reddito di cittadinanza: come funziona? Sul sito ufficiale le risposte automatiche della chatbot. Nasce un canale comunicativo sempre attivo per rispondere ai dubbi dei cittadini sulla nuova misura di sostegno economico. Il servizio RdCbot rientra nel percorso di innovazione tecnologica intrapreso dal Ministero del Lavoro, ma ha ancora tanta strada da fare.

Reddito di cittadinanza: come funziona? Sul sito ufficiale una chatbot risponde in maniera automatica e immediata: “Il Reddito di Cittadinanza è una misura di contrasto alla povertà, alla disuguaglianza e all’esclusione sociale. Si tratta di un sostegno economico che integra i redditi familiari associato a un percorso di reinserimento lavorativo e sociale”.

Dal 12 luglio è disponibile il servizio online RdCbot, un sistema sempre pronto, 24 ore su 24, a chattare con i cittadini che cercano risposte alle loro domande sulla nuova misura di sostegno economico.

L’attivazione della chatbot rientra in un percorso di innovazione intrapreso dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, ma il software deve fare ancora tanta strada per fronteggiare i quesiti sul reddito di cittadinanza.

Reddito di cittadinanza: come funziona? Sul sito ufficiale risponde Rdcbot, chatbot dedicata

Da come funziona il reddito di cittadinanza a come si calcola l’importo, passando per i requisiti richiesti ai beneficiari: sono innumerevoli le domande che sono sorte sulla nuova misura di sostegno economico, non solo tra i potenziali beneficiari. Trovare una risposta non è sempre semplice e immediato.

Proprio per questo, con l’obiettivo e l’ambizione di guidare gli utenti tra regole e requisiti, sul sito ufficiale del reddito di cittadinanza, nasce RdcBot, l’assistente virtuale progettato per sostenere conversazioni con esseri umani.

Si tratta di una chatbot, chat robotica, tutta dedicata al reddito di cittadinanza: il sistema garantisce un dialogo diretto e costante, a tutte le ore del giorno e della notte, con gli utenti che hanno esigenza di chiarirsi le idee.

In una notizia pubblicata sul sito del Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali il 12 luglio, si legge:

“Prosegue il percorso di innovazione tecnologica del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, tra le prime Pubbliche Amministrazioni a offrire un servizio digitale che sfrutta le potenzialità dell’intelligenza artificiale: il chatbot.

Da oggi, gli utenti hanno a loro disposizione un altro strumento di comunicazione che punta a facilitare l’accesso ai servizi offerti e a garantire una corretta informazione, nel segno della trasparenza e del dialogo”.

Nei piani del Ministero del Lavoro, la sperimentazione di RdCbot apre la strada a una digitalizzazione delle relazioni con il pubblico:

“Nella fase di lancio, il servizio sarà disponibile solo suwww.urpredditodicittadinanza.lavoro.gov.it per orientare i cittadini che desiderano conoscere meglio la nuova misura di contrasto alla povertà e di inserimento sociolavorativo. La tappa successiva sarà l’introduzione del chatbot sull’URP online che racchiude tutte le tematiche afferenti le attività del Ministero”.

Reddito di cittadinanza: come funziona? Sul sito ufficiale risponde Rdcbot, chatbot dedicata

La sperimentazione, insomma, è solo all’inizio. E RdCbot, la chat progettata per sostenere una conversazione sul reddito di cittadinanza, deve allenarsi ancora parecchio per tener testa alle richieste degli utenti:

“Il chatbot interagisce e risponde in tempo reale alle domande, indirizzando l’utenza verso contenuti di approfondimento, oppure, ai canali di assistenza tradizionali. Le interazioni, inoltre, aiuteranno quotidianamente l’assistente virtuale a migliorarsi grazie alle potenzialità del machine learning”.

Reddito di cittadinanza, dal 19 luglio parte la fase 2: ecco le novità per i beneficiari

Ha solo tre giorni di vita e tempo per crescere, ma a un primo test l’assistente virtuale fa scena muta su un interrogativo cruciale: come fare domanda per il reddito di cittadinanza?

Reddito di Cittadinanza: scoperti ben 7 “furbetti” in Sicilia

Proseguono i controlli serrati delle forze dell’ordine per individuare i “furbetti” che percepiscono il reddito di cittadinanza e lavorano in nero. A Carlentini, in Sicilia, denunciato un operaio che lavorava in nero in un cantiere edile e allo stesso tempo percepiva il sussidio. Nei giorni scorsi scoperti altri sei che, nonostante usufruissero del reddito di cittadinanza, lavoravano in nero alle Isole Eolie e a Palermo.