Santificazione di Vincenzo Romano: un noto neomelodico ha scritto l’inno

Chiesa e neomelodici, santità e musica. E’ questo l’inedito connubio che si è creato in occasione della canonizzazione dell’ormai ex beato e neo santo Vincenzo Romano, uno dei protettori di Torre del Greco, città di cui il prelato era originario. E’ stato Pino Santoro a scrivere l’inno che accompagnerà la canonizzazione del parroco torrese. Il prossimo 19 maggio Papa Francesco, durante il concistoro, renderà pubblica la data di canonizzazione.

Nel testo di Santoro, già entrato nel cuore dei fedeli, narra della vita del santo nella sua Torre e delle bellezze storiche della città: un mix indissolubile come il rapporto che si è fin da subito creato tra il parroco e la sua terra che lo ha sempre venerato.

«Teneva ‘o popolo pe’ ‘mmane comme a nu’ pate cu e’ figlie», dice l’inno (come riportato da Il Mattino), rivolgendosi al Beato, noto per essere stato sempre vicino al suo popolo e aver introdotto la pratica della “sciabica” e cioè l’evangelizzazione delle persone per strada. Ed altri riferimenti al Parroco Santo, così come alla devozione torrese per l’Immacolata ed anche per la Madonna dell’Arco.