Spaccio in strada nonostante il coronavirus, presi due di Marano e Giugliano

Il GIP del Tribunale di Napoli Nord Dott.ssa Vera Iaselli ha convalidato l’arresto e ha disposto gli arresti domiciliari per Conte Raffaele, maranese classe ‘71, difeso dall’avvocato Pasquale Ciccarelli e per Cimmino Luigi, giuglianese classe ‘64, difeso dall’avvocato Luigi Poziello del Foro di Napoli Nord. Il Pubblico Ministero Dott. Giuseppe Riccio aveva chiesto la custodia cautelare in carcere.
 I carabinieri della Sezione Operativa della Compagnia Carabinieri di Marano li avevano arrestati per detenzione di droga a fini di spaccio.I militari, durante uno dei servizi di controllo antidroga disposto dal comando provinciale di Napoli, hanno riconosciuto il 56enne mentre guidava e lo hanno seguito. L’uomo ha raggiunto un’altra persona in corso Italia e lì è entrato nella sua autovettura per poi recarsi in una strada chiusa poco distante.
I militari li hanno fermati, controllati e perquisiti: il 49enne nascondeva nei calzini due panetti di hashish per un peso di 200 grammi e la somma contante di 740 euro. La perquisizione è stata estesa a casa dei due uomini. Nell’abitazione del 56enne sono stati trovati 10 grammi di marijuana, un bilancino di precisione, vario materiale per il confezionamento della droga e la somma contante di 1700 euro. in casa del 49enne i carabinieri hanno trovato una pistola legalmente detenuta ma che l’uomo custodiva con il colpo in canna e pronta all’uso nel cassetto del comodino della propria camera da letto. Posti sotto sequestro droga, soldi e pistola mentre i due arrestati sono stati anche denunciati per 650cp perché se ne andavano a spasso nonostante il divieto di uscire di casa a causa del Coronavirus.