31.8 C
Napoli
giovedì, Luglio 25, 2024
PUBBLICITÀ

Sì agli spostamenti tra province o entro 50 Km, le modifiche al Dpcm di Natale nelle mani di Conte

PUBBLICITÀ

Continua il pressing sul governo per il Dpcm che vieta gli spostamenti sul territorio nazionale dal 21 dicembre al 6 gennaio e che prevede regole ancora più stringenti per il 25 e 26 dicembre e 1 gennaio.

Unione Province: concedere mobilità tra Comuni province

Eppure il pressing è concentrico. A partire dall’Unione delle province. «La nostra proposta è di una correzione alle ultime disposizioni sul Natale: concedere la possibilità di spostamenti tra Comuni all’interno della stessa provincia nelle giornate delle festività. Sarebbe una soluzione di buon senso, una mediazione tra sicurezza e umanità» chiede il Presidente dell’Unione delle Province, Michele De Pascale.

PUBBLICITÀ

Salvini: governo accetti spostamenti entro 50 km

In pressing anche il leader della Lega Matteo Salvini, che incalza su twitter: «Stiamo cercando di convincere il governo a fare come in altri Paesi, per non dividere gli italiani. Il Natale non è un lusso per ricchi: sì alla prudenza, ma no alla prigione. Poter uscire dal proprio comune ad esempio entro un raggio di 50 km sarebbe una misura di buonsenso»

A Natale, per Santo Stefano, il 31 dicembre e il primo giorno del 2021 nessuno potrà spostarsi dai propri comuni. A confermarlo è il ministro della Salute, Roberto Speranza, a Di Martedì su La7, rispondendo a una domanda sull’eventuale revisione delle misure restrittive.

“Le misure sono queste e le confermiamo e le norme restano queste”, ha affermato. “In questa fase non possiamo permetterci spostamenti che non siano indispensabili e il messaggio del Governo vuole essere questo: nei giorni più caldi, dove c’è più rischio che salga la mobilità, chiediamo un sacrificio alle persone”.

“I dati li guarderemo sempre con grande attenzione ma le misure sono queste e le confermiamo: non cambieranno per il momento nè in un verso nè in un altro verso”, ha affermato Speranza. “Come sempre avviene – ha chiarito – le misure non si vedono giorno per giorno ma c’è bisogno di un tempo un po’ più lungo. Oggi ad esempio stiamo ancora vedendo i risultati della fase in cui in Italia c’erano molte zone rosse. C’è sempre un tempo in più che – ha concluso – bisogna aspettare”.

Durante le feste di Natale “in Italia si muovono quasi 15 milioni di italiani, quindi il livello di contatto tra le persone aumenta a dismisura. Se vogliamo evitare una terza ondata ce ne dobbiamo stare a casa. Anche io non andrò dalla mia famiglia in Campania”, ha detto, sempre oggi, il ministro degli Esteri Luigi Di Maio intervenendo a Porta a Porta.

“Se rispettiamo tutti le regole non arriverà la terza ondata”, ha ribadito Di Maio. “Io lo so che gli anziani sono soli, ma è rischiosissimo”, ha avvertito il ministro. “Assisto ad un film già visto nella prima ondata: c’è una regola – quella che una regione passa da un colore ad un altro dopo un tot di giorni – e poi c’è qualcuno che si alza e vuole fare come vuole”, ha aggiunto Di Maio commentando a Porta a Porta la decisione del presidente dell’Abruzzo di passare da regione rossa ad arancione due giorni prima del previsto.

“Il problema non è la regione o il sindaco. Il problema è la tenuta dello Stato e dei precedenti che crei. Noi non siamo contenti di tenere chiusi i negozi o dire alle persone che non possono vedere i propri cari. Ma sappiamo qual è il costo e il costo sono migliaia di vite”, ha detto ancora il ministro.

Per seguire tutte le notizie collegati al nostro sito oppure vai sulla nostra pagina Facebook.

PUBBLICITÀ
PUBBLICITÀ

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

PUBBLICITÀ

Ultime Notizie

Assolto l’ex sindaco di Melito, fine dell’incubo per Mottola. “Non ha mai perso la fiducia nella giusta giustizia”

Il fatto non sussiste. Assolto con formula piena Luciano Mottola, ex sindaco di Melito, coinvolto nell’inchiesta sui rapporti tra...

Nella stessa categoria

PUBBLICITÀ