Stangata per il clan De Micco, mazzata anche in appello per i ras dei ‘Bodo’

Solo poche riduzioni e quasi tutte conferme per ras e gregari del clan De Micco. E’ quanto stabilito questa mattina dai giudici della Corte d’Appello di Napoli (II sezione) contro gli esponenti del clan detto dei ‘Bodo’ che rispondevano a vario titolo di estorsione e associazione camorristica.

In quello stesso processo erano inizialmente imputati anche il boss Luigi De Micco e il suo braccio destro Antonio De Martino, condannati entrambi all’ergastolo; condanna a trent’anni invece per i ras Luigi Esposito e Davide Principe. Per loro, accusati di essere a vario titolo i responsabili dell’omicidio di Salvatore Solla e per il ferimento di Giovanni Ardu (che non era l’obiettivo dei sicari, ma al momento dell’azione ebbe la sfortuna di essersi fermato a salutare il conoscente).

L’agguato si consumò il 23 dicembre del 2016. De Micco e De Martino furono indicati come mandanti del raid: decisero di punire Solla perché l’uomo, che gestiva una piazza di spaccio al Lotto O, si stava rendendo troppo autonomo. Per quei fatti in secondo grado si è però proceduto separatamente.

TUTTE LE CONDANNE

Autore Antonio 8 anni
Borriello Giuseppe 8 anni e 4 mesi
Capasso Rocco 4 anni
Carbone Lino 8 anni
Cocozza Moreno 13 anni e 5 mesi
De Bernardo Francesco 8 anni
De Martino Giuseppe 9 anni
Gentile Michele 10 anni
Limatola Domenico 9 anni
Napolitano Giuseppe 9 anni e 8 mesi
Ottaiano Giovanni 12 anni
Pane Roberto 12 anni e 10 mesi
Pizzo Nicola 8 anni
Riccardi Fabio 8 anni e 4 mesi
Scala Roberto 15 anni e 4 mesi
Scala Vincenzo 9 anni
Sorrentino Gennaro 13 anni e 4 mesi