Allarme Covid nel circoletto in provincia di Napoli: 3 positivi, tamponi per altre 31 persone

Tre casi in un circolo a Tufino, scatta l'allarme
Tre casi in un circolo a Tufino, scatta l'allarme

Tre persone positive e 31 a cui saranno effettuati i tamponi. E’ Tufino, cittadina del Nolano, in provincia di Napoli, la città dove cresce l’allarme coronavirus.  Da quanto si apprende, tutti e tre i contagiati sarebbero assidui frequentatori di un circolo sportivo della città. Chiusura decisa sia per il circolo che per il mercato settimanale della città.

Parla il sindaco di Tufino 

“A seguito delle indagini svolte abbiamo individuato 31 frequentatori abituali del circolo Domani mattina verranno sottoposti a screening da parte dell’Asl. In queste ore si stanno notificando a questi nostri concittadini i relativi provvedimenti. Resta inteso che chiunque abbia frequentato il circolo e non sia stato individuato, come da ordinanza, deve autoisolarsi ed autodenunciarsi. Stiamo tutti facendo enormi sforzi in questa situazione così difficile ma è necessario che tutti facciano la propria parte mostrando maturità. È una questione di rispetto per tutta la nostra Comunità. Forza Tufino” ha fatto sapere, in una nota, il sindaco Carlo Ferone.

Focolaio coronavirus a Mondragone, De Luca: «Pronto a mettere la città in quarantena»

Prima la ‘mini zona rossa’ ed il focolaio coronavirus, poi il tentativo di fuga da parte dei bulgari dagli ex palazzi Cirio. Non è sicuramente un buon momento quello che gli abitanti di Mondragone stanno vivendo, specie se si tiene conto di quanto accaduto negli ultimi giorni. A far scattare l’allarme, la positività di un uomo di origine bulgara residente nei palazzi ex Cirio la scorsa settimana e quella, venerdì scorso, di una ragazza bulgara che ha partorito all’ospedale di Sessa Aurunca scoprendo di essere positiva. Per questo motivo il governatore della Regione Vincenzo De Luca si è recato personalmente a Mondragone per fare il punto della situazione.

Per seguire tutte le notizie collegati al nostro sito oppure vai sulla nostra pagina Facebook.