variante Delta
Entro settembre in Europa i contagi da coronavirus saranno per il 90% costituiti dalla variante Delta

Variante Delta in Campania, scoperti 59 casi in una settimana. A seguito delle attività settimanali di sequenziamento previste dal piano di sorveglianza genomico della Regione Campania, condotto da Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Mezzogiorno, Azienda Ospedaliera Dei Colli (ospedale Cotugno) e Tigem, in questa settimana esaminati 275 campioni di soggetti risultati positivi al Covid 19 con tampone molecolare.

Dalle indagini è emersa la presenza di 161 varianti inglesi, 59 varianti indiane, 50 varianti brasiliane, 3 varianti nigeriane, 1 variante colombiana e 1 europea. Sono in corso ulteriori approfondimenti epidemiologici e sullo stato vaccinale dei soggetti presi in esame.

CAMPANIA, IL BOLLETTINO DEL 30 GIUGNO

Sono 120 i nuovi positivi Covid nel bollettino in Campania, su 7.421 test molecolari eseguiti ieri. Quindi ne deriva un tasso di incidenza dell’1,58%, stabile rispetto all’1,61 di ieri. Nel bollettino di oggi dell’Unità di crisi registrate cinque nuove vittime (due nelle ultime 48 ore, tre risalenti ai giorni precedenti). Sul versante ospedaliero i posti in terapia intensiva occupati sono 20 (-1 rispetto al giorno prima).

Si appesantisce il quadro delle degenze ordinarie, a quota 218 (+9). Pubblicati i dati delle vaccinazioni in Campania aggiornati alle ore 17.00 del 30 giugno 2021. Complessivamente sono stati vaccinati con la prima dose 3.309.950 cittadini. Di questi 1.657.307 hanno ricevuto la seconda dose. Le somministrazioni effettuate sono state, in totale, 4.967.257.

La variante Delta preoccupa De Luca: “Abbiamo focolai in Campania”

Vincenzo De Luca intervenne all’inaugurazione della nuova terapia intensiva del Policlinico Vanvitelli. Infatti il Presidente della Regione Campania lanciò l’allerta sulla situazione dei contagi. “In Campania abbiamo dei focolai di variante Delta e dobbiamo essere estremamente preoccupati“. Disse il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, ricordando che “la Campania è la regione che fa più sequenziamento per quanto riguarda i positivi, la metà dei sequenziamenti si fanno in Campania“.

De Luca citò i dati in arrivo dalla Gran Bretagna: “Dove quasi tutta la popolazione ha una sola dose e dove hanno avuto 14mila contagi nelle scuole elementari. Questi dati ci devono preoccupare. Io credo che noi dobbiamo puntare ad aprire tutto, ad aprirci all’economia e alla vita, ma – ha sottolineato De Lucadobbiamo sapere che possiamo aprirci se siamo responsabili“.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.