24.5 C
Napoli
venerdì, Maggio 24, 2024
PUBBLICITÀ

“Vi sparo in faccia”, il retroscena sullo scontro al Cavone

PUBBLICITÀ

“L’organizzazione facente capo a Ciro Lepre “’o sceriffo” e ai suoi fratelli ha continuato a operare sul territorio sotto la guida di Salvatore Esposito (poi ucciso in vico Nocelle a Materdei), il quale, da mero affiliato, avrebbe poi assunto il ruolo di reggente del clan. Il gruppo si è posto in contrapposizione con l’altro sodalizio, egemone ai Quartieri Spagnoli, facente capo ai pluripregiudicati Antonio Esposito, detto figlio d’o pallin e Ugo Ferrigno”. È questo l’antefatto dello scontro che negli anni scorsi caratterizzò la camorra del Cavone di piazza Dante. Uno scenario emerso nelle motivazioni della sentenza che due anni e mezzo fa portò alla condanna di Salvatore Esposito, Salvatore Alfano e Carmine Moliterno. Nella sentenza viene riportato un episodio: un cugino di ‘o pallin fu avvicinato da Salvatore Festa ‘o chicc che lo minacciò:”Vi sparo in faccia se non ve ne andate”.

PUBBLICITÀ

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

PUBBLICITÀ

Ultime Notizie

Interdittiva antimafia per onoranze funebri a Napoli e Pomigliano

Michele di Bari, prefetto di Napoli, ha emanato sette interdittive antimafia nei confronti di altrettante ditte nell'ambito dell'attività di...

Nella stessa categoria