Zona rossa, dopo Arzano rischiano altri comuni: la situazione nell’area nord

zona rossa covid 2
La situazione nell'area nord di Napoli

E’ di poche ore fa la notizia dell’istituzione fino al 30 ottobre della zona rossa ad Arzano dove i positivi a covid sono addirittura 242.

Il Governatore Vincenzo De Luca ha disposto, infatti, il divieto di allontanamento dal territorio comunale da parte di tutte le persone residenti ad Arzano; il divieto di accesso nel territorio comunale; la sospensione delle attività degli uffici pubblici, fatta salva l’erogazione dei servizi essenziali e di pubblica utilità; la sospensione delle attività commerciali e produttive, comprese le attività di ristorazione, salvo che in modalità di consegna a domicilio, fatta eccezione per soli i servizi alla persona ed attività connesse all’approvvigionamento di beni e servizi di prima necessità.

Stando al rapporto tra popolazione e contagiati, sarebbero almeno 7 i Comuni attenzionati per un’eventuale zona rossa. Particolare attenzione vi è per Calvizzano (positivo al Covid un abitante ogni 238) e Frattamaggiore (1 su 263).

Poco più leggera la situazione a Villaricca (1 ogni 274), Quarto (1 ogni 280), Melito (1 ogni 283)e Casoria (1 ogni 285).

Non risultano invece attenzionati i Comuni di Pozzuoli (1 ogni 302), Acerra (1 ogni 311), Afragola (1 ogni 312), Sant’Antimo (1 ogni 320), Giugliano (1 ogni 378), Marano di Napoli (1 ogni 405) e Casalunuovo (1 ogni 438).

PER RESTARE SEMPRE INFORMATO SULL’EMERGENZA CORONAVIRUS, VAI SU INTERNAPOLI.IT O VISITA LA NOSTRA PAGINA FACEBOOK