VENTI COMUNI IN BICI PER UNA FUGA DAL DEGRADO
Litorale domizio: passeggiata a due ruote per i sindaci della zona

Pedalando sul litorale


GIUGLIANO. Successo per la manifestazione “Pedalando sul litorale”. Sindaci e assessori di diversi comuni si sono ritrovati, ieri mattina, a pedalare assieme lungo i 25 km che da Licola portano al Volturno. L’intento comune è una più matura valorizzazione della costa, per strapparla dal clima di degrado e anonimato in cui versa da anni. L’evento, organizzato dall’associazione culturale Costa dei Sogni, è stato più che riuscito. Circa cento i ciclisti accorsi, donne e bambini, ma anche le associazioni dei Vigili del fuoco in pensione, guidati da Nicola Basile, e l’associazione dei Carabinieri a riposo, capitanata da Alfonso Tritone (assessore di Pozzuoli) e da Arturo Ciotola, cicloturista. A tagliare il traguardo dei 25 km con in tricolore in petto sono stati solo il sindaco di Castel Volturno, Antonio Scalzone, il vicesindaco di Calvizzano Salvatore De Rosa, e il sindaco di Quarto, Pasquale Salatiello. Ma tanti sono stati quelli che hanno percorso assieme a loro una decina di km, come Enrico Fabozzi, sindaco di Villa Literno, con il suo assessore all’ambiente Augusto Ucciero, oppore Raffaele Ambrosia, sindaco di Cancello Arnone. Tanti anche i rappresentanti di altri comuni, che hanno macinato solo qualche pedalata, ma che comunque hanno voluto attendere i “compagni” al traguardo. Tra questi erano presenti i sindaci di Giugliano, Francesco Tagliatela, di Casal di principe,Francesco Goglia, Pippo Coppola, dal Monte di Procida e l’assessore alla legalità Di Iorio, Cardito. Un encomio speciale và, inoltre, all’assessore quartese Alberto D’Urso, che ha pedalato portando per tutto il tempo con sé il suo piccino sorridente. Presente inoltre il sindaco di Qualiano, Michele Schiano, che è riuscito a liberarsi dagli impegni della campagna elettorale solo per poco, ma che comunque ha voluto esserci per dare man forte agli altri. Ad attendere i ciclisti al traguardo, in Piazza Annunziata, a Castel Volturno, l’associazione Costa dei sogni, che ha provveduto a rifocillare gli atleti dalla fatica compiuta. Ma nonostante stanchezza e sudore, tutti sorridevano, consci di aver fatto il loro dovere.