Nel riquadro Salvatore Attanasio

Condannato a 14 anni di reclusione. E’ questa la sentenza a carico di Enrico Rispoli, unico imputato per l’omicidio di Salvatore Attanasio. Quest’ultimo fu acccoltellato a morte nella notte a cavallo tra il 23 e il 24 luglio 2020: ben quattordici i fendenti che lo sorpresero in strada in via Giambattista Manso, zona di porta Nolana. Come riportato da Il Roma Rispoli si era costituito parte civile nel processo a carico di Attanasio, imputato per l’omicidio di Salvatore (padre dello stesso Rispoli, e ucciso per errore, durante un agguato che puntava a colpire un altro obiettivo).

Nel febbraio del 2019 Attanasio era uscito dal carcere dopo l’arresto per l’accusa di essere responsabile proprio di quell’omicidio. Quel delitto fu ribattezzato l’omicidio di Halloween perché avvenne nel giorno della ricorrenza. Oltre alla morte di Rispoli, rimasero ferite altre due persone. Attanasio venne arrestato all’esito di un’articolata attività di indagine, coordinata da questa Procura della Repubblica. L’indagine era basata sugli esiti di mirate intercettazioni telefoniche e sulle dichiarazioni dei collaboratori di giustizia, tra i quali Salvatore Maggio. Nel febbraio arrivò poi la scarcerazione dal Riesame  per insussistenza dei gravi indizi di colpevolezza a suo carico.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.