Giovane pusher vendeva con i biglietti da visita, scatta l’arresto a Casoria

droga casoria biglietti da visita pusher

Giovane pusher vendeva la droga con i biglietti da visita, scatta l’arresto a Casoria. I carabinieri della Sezione Operativa di Casoria arrestavano S.C per spaccio di droga. Il 19enne notato dai militari mentre consegnava un involucro ad un ragazzo, ma appena accortosi dei militari tentava la fuga. Dopo l’inseguimento però è stato bloccato in via Principe di Piemonte. Ritrovate durante la perquisizione 5 bustine di marijuana, 120 euro, frutto della vendita illecita,  e un telefonino.

I BIGLIETTI DA VISITA 

I carabinieri si soffermavano sopratutto su 9 bigliettini da visita del 19enne, utilizzati presumibilmente per estendere il business. Sui biglietti per i clienti c’era scritto il numero di telefono da contattare in caso di acquisto. Lo spacciatore veniva trasferito nel carcere di Poggioreale in attesa di giudizio.

LA SERRA A CASORIA

Inoltre i carabinieri arrestano il 33enne Antonio De Rosa a Casoria. Accusato di coltivazione e detenzione di droga a fini spaccio. La serra disponeva di un sistema di illuminazione e irrigazione, concimi, una tenda per l’essiccazione della marijuana ed il piano di fertilizzazione per la coltivazione delle piante con le istruzioni per la fioritura.

I militari della stazione di Casoria hanno sequestrato 12 piante di marijuana, 12 fusti di piante già private delle infiorescenze e 64 grammi di marijuana essiccata. Altri 53 grammi di marijuana sequestrati in una cassetta della posta del condominio dove abita il 33 enne. I militari scoprono anche che De rosa ed altri 5 nuclei familiari del palazzo,avevano realizzato un allacciamento abusivo alla rete elettrica. Sei persone denunciate per furto di energia elettrica.

Per seguire tutte le notizie collegati al nostro sito oppure vai sulla nostra pagina Facebook.