Controlli nella movida tra Napoli e Ischia, multate discoteche e bar

multe napoli ischia discoteche
Multe nei luoghi della Movida

Ieri sera gli agenti del Commissariato San Ferdinando hanno effettuato un servizio straordinario di controllo del territorio nella zona della movida.
I poliziotti hanno sanzionato il titolare di un bar in vicoletto Belledonne a Chiaia poiché privo di nulla osta d’impatto acustico e per aver diffuso musica all’interno del locale con le porte d’ingresso aperte in violazione dell’ordinanza del Comune di Napoli.

In via Bisignano, il titolare di un ristorante è stato sanzionato amministrativamente poiché aveva occupato la sede stradale con tavoli e sedie per il doppio dei metri quadri autorizzati, rendendo impossibile il passaggio di eventuali mezzi di soccorso.

I CONTROLLI DEI CARABINIERI A ISCHIA

Intensa attività di controlli ad Ischia durante tutto il fine settimana ad opera di Carabinieri e Polizia con particolare attenzione ai luoghi della movida dove poliziotti e carabinieri hanno operato anche congiuntamente. Gli uomini del capitano Mitrione hanno accertato in 4 locali di intrattenimento notturno isolani la violazione delle norme anti covid, applicando la maxi sanzione da 1.000 euro introdotta dal governatore De Luca.

I militi hanno controllato il territorio ischitano anche con l’ausilio del 7° Nucleo Elicotteristi di Pontecagnano e del Nucleo Cinofili di Sarno, arrestando per detenzione ai fini di spaccio un cameriere 25enne del luogo presso la cui abitazione sono stati rinvenuti 112 grammi di marijuana e materiale per il confezionamento della sostanza stupefacente.

I carabinieri della Stazione di Ischia hanno pure denunciato un uomo originario del Marocco per ingresso illegale in Italia ed un altro uomo che si è rifiutato di sottoporsi all’alcool test e segnalando infine 4 persone alla Prefettura quali assuntori di stupefacenti.

Complessivamente durante il weekend sono state identificate 279 persone e controllati 153 veicoli dai carabinieri. La Polizia di Stato ha identificato 285 persone e 60 veicoli tra auto e moto, attivando 20 posti di blocco sull’intera isola; tra le persone identificate 57 risultavano pregiudicate.