Ragazzo col coronavirus ai Magazzini Fermi di Aversa, arriva la rassicurazione dei titolari

Coronavirus Magazzini Fermi Aversa
Coronavirus Magazzini Fermi Aversa

Contagiato dal coronavirus a Cesa era stato ai Magazzini Fermi ad Aversa nella serata di sabato. L’annuncio sul ragazzo è arrivato dai titolari della struttura, che con un post divulgato sui canali social hanno provveduto a tranquillizzare e rassicurare i proprio clienti. Non solo: gli stessi responsabili, hanno precisato che a seguito di ogni serata, si attua sempre un’opera di sanificazione generale di tutti gli ambienti.

Il comunicato dei Magazzini Fermi dopo il caso Coronavirus ad Aversa

Coronavirus Aversa. Il comunicato dei Magazzini Fermi: «Come molti di voi avranno appreso nelle ultime ore, un cittadino di Cesa è risultato positivo al tampone fatto per il Covid-2019.

Questo ragazzo, il sabato 22 Febbraio è stato ai Magazzini Fermi. A questo proposito, ci terremmo a tranquillizzare tutti voi e farvi sapere, oltre al fatto che il ragazzo in quell’occasione non presentasse alcun sintomo, che ogni volta, dopo gli eventi, ai Magazzini si attua sempre un’opera di sanificazione generale di tutti gli ambienti.

Dato l’accaduto, in accordo con il Comune di Aversa, domani provvederemo ad un’ulteriore intervento di igienizzazione a scopo precauzionale.

Invitiamo tutti voi a non preoccuparvi, di seguire i protocolli e le procedure disponibili sul sito dell’OMS e di utilizzare i numeri di emergenza 112/118 solo in caso di sintomi o se strettamente necessario. Ricordiamo inoltre che è possibile chiamare anche il numero di telefono “1500” che è stato attivato per rispondere alle domande dei cittadini sul nuovo Coronavirus 2019-nCoV.».

Il contagio a Cesa

«Questa sera, alle ore 19.54, abbiamo avuto notizia ufficiale dalla Task Force Regionale per la prevenzione e gestione dell’emergenza da Covid-2019, dell’accertamento di un tampone positivo, effettuato presso l’ospedale “Cotugno” di Napoli, a carico di un cittadino di Cesa – scrive in una nota il Comune – Immediatamente ci siamo attivati e coordinati con l’Asl, con i Carabinieri, i Vigili urbani e gli uffici comunali, la Protezione Civile locale, allo scopo di adottare tutte le misure precauzionali necessarie ed eseguire quanto previsto dai protocolli dettati dal Ministero della Salute e dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Da informazioni degli organi sanitari le condizioni del soggetto contagiato non destano preoccupazioni. Al solo scopo di precauzione, e senza voler creare allarmismo, domani mattina le scuole cittadine, di ogni ordine e grado, pubbliche e private, saranno chiuse, con ordinanza che sarà firmata domani mattina. Siamo in attesa di ricevere, attraverso gli organi a ciò deputati, le ulteriori informazioni, per adottare tutte le iniziative del caso. Nell’attesa invitiamo i cittadini ad adottare tutte i comportamenti precauzionali tesi a prevenire il contagio. Sarà nostro compito, nel rispetto della privacy, informare nella massima trasparenza la cittadinanza ed aggiornare sull’evolversi della vicenda”.

Scuole chiuse a Frattamaggiore

A scopo precauzionale, anche il comune di Frattamaggiore, vicino territorialmente, ha deciso di rimandare il rientro a scuola per l’emergenza coronavirus.

“Ho deciso di chiudere le Scuole di ogni ordine e grado, pubbliche e private, per la giornata di lunedì 2 marzo. Nella serata viene confermata la positività al Coronavirus di un uomo di Cesa. Data la vicinanza territoriale e la presenza nelle nostre Scuole di studenti e personale provenienti da quella zona, abbiamo assunto questa decisione. Decisione che, ribadisco, è soltanto a scopo precauzionale ed in attesa di ulteriori eventuali provvedimenti qualora ce ne fosse bisogno. Invito dunque ad evitare ogni forma di panico o allarmismo. Io, come sempre, da padre e medico oltre che da Sindaco, sarò al vostro fianco per affrontare insieme questo momento complicato. Abbiate fiducia nel lavoro delle Istituzioni”.