Crisi Covid, corteo funebre a Napoli: “Dove sono i ristori?”. Intanto riaprono i mercati di generi alimentari
Crisi Covid, corteo funebre a Napoli: “Dove sono i ristori?”. Intanto riaprono i mercati di generi alimentari

– Un centinaio di tassisti sta dando vita a Napoli a un corteo funebre con tanto di bara portata a spalla. La categoria – con l’ingresso in zona rossa – lamenta il crollo delle entrate e chiede adeguate misure di sostegno.

Il corteo, partito da piazza del Plebiscito, si sta dirigendo verso Palazzo Santa Lucia, sede della Regione Campania. Sulla bara è stata montata l’insegna luminosa taxi. C’è anche un manifesto funebre che reca la scritta “Qui giace la categoria taxi”. La protesta dei tassisti va avanti da cinque giorni con sit-in e manifestazioni di piazza. Sul corteo vigila la polizia.

Stando all’ultima ordinanza del governatore De Luca, la numero 9 in cui si specificano anche alcune limitazioni agli spostamenti per tutto il periodo pasquale, da questa mattina riaprono i negozi di generi alimentari regolarmente provvisti di allacci idrici all’interno dei mercatini rionali della Campania. Una svolta positiva arrivata nella serata di lunedì dopo l’ennesima giornata proteste degli operatori. Questo il contenuto del 1.9. “Sono confermate le disposizioni delle Ordinanze n.7 del 10 marzo 2021 e n.8 dell’11 marzo 2021, con la precisazione che la deroga alla sospensione delle attività di vendita di generi alimentari e dei prodotti agricoli e florovivaistici riguarda altresì i negozi/box siti in prossimità o all’interno di aree mercatali, ove sussista la possibilità di contingentare gli accessi e limitatamente agli esercizi provvisti di accesso diretto alla rete idrica”.

LE INTERVISTE AI MERCATALI

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.