Da Giugliano a Teramo per assalire una banca: condannati e scarcerati due giuglianesi

 

Erano stati arrestati in flagranza di reato lo scorso Maggio in Morro D’Oro, provincia di Teramo, 2 giovani giuglianesi: Auricchio Antonio 33enne, difeso dall’avvocato Luigi Poziello, e Pennacchio Gianluca 26enne difeso dall’avvocato Alessandro Caserta, mentre stavano tentando l’irruzione nella Banca Intesa San Paolo. I due, con l’ausilio di una scala, erano saliti sul tetto dell’istituto di credito e con l’ausilio di arnesi da scasso ed attrezzature sofisticate avevano un vetro antiproiettile, nel cuore della notte; però grazie ad una segnalazione, furono arrestati dalle forze dell’ordine e rinchiusi nel carcere di Teramo. All’esito della direttissima, erano stati condannati: Auricchio Antonio a 2 anni di reclusione e Pennacchio Gianluca a 2 anni e 4 mesi. I difensori, ottenuti gli arresti domiciliari, hanno impugnato la sentenza innanzi alla Corte di Appello di L’Aquila, che ha concesso un notevole sconto di pena: un anno e quattro mesi con la pena sospesa per Auricchio Antonio ed un anno ed otto mesi per Pennacchio Gianluca, in quanto recidivo. Auricchio è stato rimesso immediatamente in libertà mentre Pennacchio resta in carcere per un altro reato commesso lo scorso Agosto.