Deborah, le ultime tragiche parole al papà dopo averlo colpito: “Non lasciarmi, ti voglio bene”

È libera Lorenzo, la ragazza di 19 anni che per difendere sua madre e sua nonna ha colpito a morte il padre 41enne, Lorenzo, disoccupato, con precedenti penali e problemi di alcol, a Monterotondo. A uccidere l’uomo sarebbe stato un colpo ad un orecchio da parte di Deborah, appassionata di boxe: Deborah aveva un coltello, preso da casa per proteggere mamma e nonna, e nella colluttazione l’uomo potrebbe essere stato colpito proprio da una coltellata, che ha provocato un’emorragia.

Un dramma familiare, come scrive Repubblica, che parla dello stato d’animo della ragazza poco dopo l’accaduto. «Papà fermati, non fare più niente», avrebbe scongiurato e implorato l’uomo di fermarsi, un tentativo disperato quanto vano. «Perdonami papà, non volevo. Non mi lasciare, ti voglio bene», gli avrebbe poi detto tenendolo tra le braccia, nell’androne del palazzo di Monterotondo dov’è avvenuto il fatto. «Quando papà tornava a casa ubriaco mi preoccupavo soprattutto per mia nonna – ha detto, secondoq uanto si legge nei verbali – tra di noi è la più fragile, non volevo che le facesse del male».

Poi il racconto di quanto avvenuto domenica notte: il ritorno di Lorenzo a casa, ubriaco, e le botte. «Se l’è presa con mamma, urlava come un pazzo, ci insultava. Io ho preso nonna e ci siamo chiuse in una stanza, aspettando che si calmasse. Poi abbiamo deciso di andarcene, io ero terrorizzata – continua, si legge nelle pagine di Repubblica – Ho preso un coltello dalla cucina, ma non volevo ucciderlo, l’ho preso per difesa. Volevo solo che ci facesse andare via».

Ma l’uomo non si è calmato: ha rincorso le tre donne nel palazzo e ha preso a pugni in faccia la mamma di Deborah, per poi dirigersi verso la nonna. A quel punto la colluttazione finita male: «Avevo paura che l’avrebbe ammazzata», ha detto la giovane ai pm. Lorenzo si accascia, la figlia cerca di soccorrerlo, poi i soccorsi e la morte poco dopo. La causa della morte sarebbe una emorragia provocata dalla ferta sotto ad un orecchio durante la colluttazione: ad essere utilizzato il coltello che la 19enne aveva preso da una collezione del nonno e che teneva in camera in bella vista, tristemente certa di doverlo usare alla successiva aggressione.

La giovane ha raccontato tutto agli inquirenti sempre in lacrime e distrutta per l’epilogo più tragico. Resasi conto di quanto accaduto, era salita in casa a prendere dei prodotti congelati da posizionargli sotto la testa. Sperava così di tamponare la ferita. «Gli ho detto che gli volevo bene, che non volevo morisse. Era imperfetto, ma era comunque mio padre».