Detenuto morto in carcere in Italia, aperta un’inchiesta: era stato arrestato per violenza sessuale

Sarà disposta l’autopsia sul corpo di un detenuto di 42 anni morto nel carcere di Sant’Anna lo scorso venerdì. A disporre la consulenza tecnica la procura a seguito della denuncia presentata dai parenti della vittima, che era invalida al 75%.

L’uomo, bolognese d’origine, era finito in carcere a seguito di una condanna per violenza sessuale; fatti commessi sempre a Bologna. I parenti chiedono però di far luce su quanto accaduto, ipotizzando che il 42enne non abbia ricevuto le cure idonee visto il precario stato di salute.

Secondo gli accertamenti dei sanitari, avvisati dalla direzione del carcere Sant’Anna, l’uomo si sarebbe spento a causa di un arresto cardiocircolatorio. L’esame autoptico fornirà risposte certe sul decesso del 42enne.

 

Un detenuto di 42 anni, lo scorso venerdì, è deceduto nel carcere di Sant’Anna, nel modenese. A seguito della
denuncia presentata dai familiari il pm ha disposto il sequestro della salma per effettuare l’esame autoptico. I
parenti dell’uomo, che era invalido al 75%, hanno presentato denuncia. Il 42enne è nato e residente a Bologna.
Stava scontando una pensa per violenza sessuale commessa a Bologna. I parenti chiedono di far luce su quanto
accaduto, ipotizzando che il 42enne non abbia ricevuto le cure idonee visto il precario stato di salute. Secondo
gli accertamenti del personale sanitario, avvisato dalla direzione del carcere Sant’Anna, l’uomo sarebbe deceduto
a causa di un arresto cardiocircolatorio. Maggiore chiarezza si avrà con l’esame autoptico.