Quarantasette grammi di hashish, cuciti all’interno degli elastici di un pantalone e di una tuta, sono stati trovati dagli agenti della polizia penitenziaria di Carinola, in un pacco inviato a un detenuto. Lo rendono noto i sindacati Osapp e SPP. Di recente tre agenti della penitenziaria hanno perso la vita a causa di un focolaio scoppiato nel carcere di Carinola che provocato poco meno di 30 defezioni tra le forze dell’ordine in servizio. I vertici dell’amministrazione penitenziaria, per garantire l’organico, sono stati costretti a inviare dei rinforzi.

 

«Nonostante le gravi criticità, – sottolineano il segretario e il vice segretario Vincenzo Palmieri e Luigi Castaldo – il personale assolve al proprio mandato istituzionale con alto senso del dovere e forte spirito di abnegazione mettendo un chiaro colpo alla criminalità nell’interesse collettivo. Il nostro plauso va esclusivamente a tutto il personale in prima linea coordinato dalla dirigente di reparto». «Sentiamo il dovere di dire grazie ai poliziotti – aggiunge il segretario dell’SPP Aldo Di Giacomo – così come a tutti quei nostri colleghi che, oggi più che mai, sono costretti ad operare in condizioni di grande difficoltà e, sempre più esposti al rischio contagio», ciononostante, «imperterriti, senza esitazione alcuna, non si sottraggono al proprio dovere, facendosi garanti e tutori dell’istituzione che rappresentano e di quei principi di democrazia che sono propri del Nostro Paese».

Pubblicità