Ieri un borsone pieno di resti di un cadavere umano è stato trovato in via Marano-Pianura. Scoperta condotta su indicazione del figlio di un’anziana scomparsa nelle scorse settimane. Caso segnalato già qualche giorno fa ai carabinieri da una conoscente dell’anziana, preside di un istituto scolastico. I militari hanno interrogato nella caserma di Bagnoli il figlio della signora: si tratta di un uomo con problemi psichici e sembrerebbe anche di tossicodipendenza.

L’ARRESTO

Come riportato da Il Mattino la Procura di Napoli ha emesso un decreto di fermo nei confronti di Eduardo Chiarolanza. Il giovane è accusato di omicidio volontario e gravemente indiziato per la morte della mamma Eleonora Di Vicino. Inizialmente il figlio ha negato ogni responsabilità, poi è crollato e ha fornito delle ammissioni.

Dopo molte insistenti domande avrebbe ammesso di avere ucciso la madre 84enne e di averla fatta a pezzi. Infine avrebbe gettato i resti in strada nella zona di via Marano Pianura, dove per ore sono stati cercati anche con l’aiuto di cani.

CADAVERE FATTO A PEZZI

Il delitto sarebbe avvenuto nella casa, situata in contrada Pisani, dove convivevano madre e figlio. Dalle prime verifiche compiute dai militari del reparto scientifico sarebbero arrivate conferme, infatti, nell’appartamento sarebbero state trovate tracce di sangue. La notizia del ritrovamento dei resti ha suscitato orrore e raccapriccio nel quartiere dove era benvoluta. Diverse persone si sono radunate ad osservare il lavoro dei carabinieri.

Le ricerche dei resti della donna sono state complicate poiché sono trascorsi diversi giorni dal matricidio. Gli investigatori tuttavia ritengono di potere isolare altri frammenti, che saranno sottoposti all’esame del dna per fugare ogni dubbio sull’identità.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.