Elezioni a Melito, sarà ballottaggio tra Luciano Mottola e Dominique Pellecchia
Elezioni a Melito, sarà ballottaggio tra Luciano Mottola e Dominique Pellecchia

I cittadini del Comune di Melito verranno nuovamente chiamati alle urne domenica 17 e lunedì 18 ottobre per il turno di ballottaggio. Il primo turno ha infatti fatto registrare un testa a testa tra il candidato Luciano Mottola, sostenuto da 10 liste, e la candidata del centrosinistra Dominique Pellecchia, che conta sul supporto di sette liste, tra cui quelle del Partito Democratico e del Movimento 5 Stelle. Occupa il terzo posto, dopo i due candidati che si contendono la poltrona da primo cittadino, Nunzio Marrone, sostenuto da sei liste, tra cui quella di Forza Italia e quella della Lega.

Mottola ha ottenuto 6.910 voti (37,71%). Trecento voti indietro Pellecchia con 6.608 preferenze (36,06%). Marrone fermo a 4.806 (26,23%)

Il commento di Luciano Mottola

“Ieri è stata una giornata ricca di emozioni, l’attesa, i primi risultati che arrivavano, il voto delle liste. Vissuta per la prima volta da candidato a sindaco e stamattina eccoci qua a commentare un risultato che era atteso, considerando l’affetto dei cittadini riscontrato in strada e nelle case; un entusiasmo che ci lascia delle buone sensazioni ed un vantaggio che sono certo riusciremo a consolidare al secondo turno grazie all’unica vera idea di città emersa in questa campagna elettorale. La differenza è netta tra chi, come il centrosinistra, ha puntato solo sul fango, sull’offesa e sui rancori per colmare un vuoto di contenuti e chi, al contrario, come noi, che abbiamo passato un’intera campagna elettorale a parlare di programmi, di idee e di soluzioni.

Il mio è un appello agli elettori, soprattutto a coloro che hanno votato altre coalizione al primo turno, resta sempre lo stesso. Ragioniamo sull’idea di città. Il nostro programma è chiaro, siamo disposti ad arricchirlo, a ricevere ulteriori idee che possano garantire a questa città definitivamente il salto di qualità; ma parliamo di contenuti e insieme lavoriamo per una #MelitoMigliore. Poi è necessario esprimere un voto libero e lontano dagli apparati di potere. Apparati che hanno mortificato la nostra città negli anni garantendo esclusivamente passerelle, foto ricordo e qualche pacca sulla spalla ma zero risultati, zero impegno, zero competenza. Zero amore per questa terra.

Ormai siamo ad un bivio: è una scelta tra le offese e un’idea di sviluppo, tra l’odio per le persone e l’amore per questa terra, tra il fango e un programma di governo ambizioso”.

Melito mi conosce e io conosco Melito. Un rapporto profondo con la città cui mi lega un vincolo di amore, di rispetto e dalla quale non ho mai deciso di andare via e anzi, qui ho messi su famiglia e qui vivranno i miei figli. Ed è per loro, per i figli di questa terra che abbiamo il dovere di renderla #migliore. Il mio programma è chiaro, leggibile, fatto di cose concrete e possibili; un programma che mette al centro i cittadini. Governare Melito richiede competenza e una direzione certa verso cui muoversi. Io ci sarò proponendo esattamente questo, lo farò viaggiando in città e girandola metro dopo metro, casa dopo casa per fare in modo che i cittadini scelgano bene ed in modo informato. Poi toccherà a voi; sono fiducioso nel fatto che al di là delle chiacchiere Melito saprà fare la scelta Migliore. Quella che vada Oltre realizzando ltro. Quella sulla quale ho messo la faccia e il cuore”. 

Il commento di Dominique Pellecchia

“Grazie a tutti i Melitesi, grazie a tutti i candidati e le liste che mi hanno sostenuto. Grazie ad ognuno di voi. In tanti, tantissimi ci hanno scelto per ridare una speranza a questa città. Per accendere un luce sul futuro di Melito. Il nostro risultato, al di là di ogni più rosea previsione ci dice che siamo sulla giusta strada. Adesso poche ore di riposo e poi di nuovo tutti insieme a lavorare, per permettere anche qui, come è accaduto a Napoli, di voltare pagina e costruire una Nuova Melito”.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.