Fa uscire le figlie da scuola con un falso certificato medico e le uccide con un fucile

Massacra le sue bambine e poi si uccide. Abrianne Moore, 28 anni, della contea del Kent, è andata a prendere le sue tre figlie a scuola prima della fine delle lezioni, dicendo alle maestre che avevano una visita dal medico. Alaina Rau,  di 2 anni, Cassidy Rodery, 6 anni, e Kyrie Rodery, 8 anni, in realtà però sono state portate in un bosco e uccise barbaramente proprio dalla loro mamma.

La donna, che aveva problemi di salute mentali, come riporta anche il Daily Mail,  ha ucciso le bambine con un fucile da caccia. Abrianne era affetta da una forma poco conosciuta di schizofrenia, era seguita dai servizi sociali ed era in cura per cercare di tenere sotto controllo le sue manie. La donna si sarebbe allontanata con l’auto del suo fidanzato, studiando tutto nei minimi dettagli: aveva preparato un falso certificato per le figlie, le ha portate in una zona boschiva vicino la casa dei suoi nonni e le ha uccise prima di togliersi la vita.

A fare la scoperta choc è stato il compagno, papà della bimba più piccola, che ha trovato tutte prive di vita. Sul web è stata avviata una raccolta fondi per far fronte alle spese legali e dei funerali delle donne, per quella che resta per tutti una tragedia scioccante.