«Venite, vi do il pallone». La moglie e i figli uscivano, lui abusava di 2 fratellini: l’orrore a Caserta

Immagine di repertorio

Era sposato, aveva figli anche maggiorenni. A 57 anni, ormai, era ormai insospettabile. Ma la verità – secondo l’accusa della Procura- è che quando moglie e figli non erano presenti, lui si trasformava in un mostro arrivando a denudare due fratellini di 11 e 12 anni per poi abusarne.  Le vittime, che venivano convinte a sottostare alla volontà del 57enne in cambio di giocattoli, erano i figli dei suoi vicini di casa.

Nell’ordinanza eseguita ieri dai carabinieri della Compagnia di Caserta, l’uomo convinceva i bambini ad andare da lui con la promessa di regalare a questo dei giocattoli. La prima esca – si legge su Edizione Casertaera un pallone: l’autore della violenza aveva puntato sulla passione per il calcio dei due ragazzini. Poi, quando moglie e figli uscivano, quel palazzo che sembrava normale si trasformava nel palazzo degli orrori. Li convinceva come se si trattasse soltanto di un gioco, li denudava e ne abusava.

I presunti abusi sarebbero avvenuti in uno stabile di Caserta, dove abita la famiglia del 57enne. Anche un terzo bambino, oltre ai due fratellini, sarebbe stato vittima delle mostruosità. La Procura di Santa Maria Capua Vetere, con modalità protette, ha provveduto ad interrogare i due bimbi, i quali hanno raccontato l’incubo di cui non avevano mai fatto cenno alla madre, soltanto per paura e per vergogna. 

La svolta è arrivata il 26 novembre, quando il più piccolo dei due è scappato dalle braccia del 57enne ed è fuggito, raccontando l’orrore alla madre. Questo ha convinto poi il fratello maggiore a denunciare gli abusi, cosa che ha fatto la madre.