Ancora una gaffe del ministro Salvini: mostra cartello con insulto alle donne

(L'immagine - diventata già virale - che ritrae il ministro Salvini con il cartello offensivo - archivio InterNapoli)

«Ad Ormea i rifugiati sono una risorsa, (ha detto il sig. sindaco) lo possono testimoniare alcune troie del posto che fino ad ora hanno usufruito di queste risorse. Sarebbe utile che l’amministrazione comunale chiedesse al prefetto l’invio di diverse rifugiate (massimo trent’anni) così anche i mariti beneficerebbero di suddette risorse!!». Questo è il contenuto di un cartello apparso durante una “sfilata elettorale” dell’attuale Ministro dell’Interno Matteo Salvini. Ma non è tutto. Il ministro Salvini si trovava ad Ormea, in provincia di Cuneo. Qualcuno gli passò il cartello sul quale c’era scritto quanto potete leggere in apertura di questo articolo. Nel video – qui – si vede chiaramente che il ministro Salvini, prima di impugnarlo ed esporlo, controllò il contenuto. Consapevolmente, Salvini espose un cartello con su scritte offese assai gravi nei confronti delle donne e dei migranti che, nel paesino piemontese, furono ospitati. Desolante.