Pompei. Nessuna violenza su Grazia, si é suicidata. I genitori:
Pompei. Nessuna violenza su Grazia, si é suicidata. I genitori: "Era in cura"

E’ arrivata la svolta sulla morte di Grazia Severino, la studentessa che avrebbe compiuto 24 anni tra meno di un’ora. La ragazza – riporta La Stampa – non aveva mai accettato il suo corpo, fino al punto di privarsi del cibo e diventare anoressica.

Proprio questo disagio psichico, oggi pomeriggio, l’ha portata a compiere una follia. Un gesto che ha sconvolto una intera comunità, che ha lasciato amici e parenti nello sconforto. Grazia si è infilata in un anonimo condominio di Pompei e si è lanciata da una finestra condominiale al quarto piano. Cadendo si è rotta il bacino e le gambe, perdendo la vita a bordo dell’ambulanza. Una scena raccapricciante, a tal punto da far ipotizzare – in un primo momento – lo scenario di violenza sessuale.

La disperazione dei genitori di Grazia

I suoi genitori, ovviamente, distrutti dal dolore. «Era in cura da uno psichiatra da due anni, ma rifiutava di prendere le medicine». Lo specialista  l’aveva visitata proprio stamattina e l’aveva trovata profondamente turbata. Poi, nel pomeriggio, l’altro folle gesto prima di gettarsi nel vuoto. Grazia, infatti, ha prima comprato delle forbici, poi si è tagliata superficialmente la pancia. Solo dopo, la 24enne, ha deciso di farla definitivamente finita.

 

 

 

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.