“Guagliò accattateve ‘a mascherina”, ambulante fermato in strada a Napoli

Nell’ambito delle attività di prevenzione e controllo del territorio cittadino in particolare ai controlli al rispetto di quanto disposto nel DPCM per limitare il contagio da Covid-19, personale della Polizia Municipale Unità Operativa  Investigativa Centrale interveniva in Via De Pretis dove  fermava un certo  N.G., cittadino napoletano di anni 50, il quale, oltre a non potere giustificare la presenza in strada, vietata dal DMCP del 01/04/2020, veniva sorpreso a svolgere l’attività di venditore ambulante di mascherine, prodotti per l’igiene personale e per la sanificazione degli ambienti senza essere autorizzato o  abilitato, inoltre il soggetto non dava spiegazioni  sulla provenienza e qualità dei prodotti.
L’uomo veniva quindi identificato e verbalizzato, mentre la merce veniva sequestrata.
Il trasgressore veniva  segnalato alla ASL NA1 che provvedeva, inoltre, a notificargli l’obbligo di permanenza domiciliare disposta dalle Ordinanze Regionali.

 

 

I finanzieri del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Bari, coordinati dalla
Procura della Repubblica di Bari, hanno eseguito un sequestro preventivo emesso in
caso d’urgenza dal Pubblico Ministero – Procuratore Aggiunto, dott. Roberto Rossi -,
nei confronti di 3 società baresi ritenute responsabili di aver effettuato manovre
speculative sulla vendita dei dispositivi di protezione individuali (c.d. mascherine)
nei confronti di diverse Aziende Sanitarie pugliesi.

Il sequestro del profitto delle condotte delittuose ascritte ai legali rappresentanti delle
società ammonta ad oltre 1,1 milioni di euro.
Nei giorni scorsi, le indagini del Gruppo Tutela Spesa Pubblica, articolazione
particolarmente specializzata nel contrasto alla corruzione e alle patologie afferenti
l’impiego di denaro pubblico (con particolare riferimento alla Sanità), avviate nel contesto
dell’emergenza epidemiologica da COVID – 19, hanno permesso di acquisire concreti
elementi in ordine ad illecite attività poste in essere dalle suddette società fornitrici di
aziende sanitarie pubbliche – tra cui ASL Bari e diverse aziende ospedaliere del territorio
pugliese.

Dette società, in presenza di una grave rarefazione nel mercato nazionale di
“mascherine” e altri presidi individuali di protezione, da considerarsi senza dubbio
“prodotti di prima necessità”, compivano manovre speculative consistenti nel fare
incetta o acquisire in ogni caso i citati dispositivi protettivi e rivenderli con ricarichi
economici via via crescenti nel corso dei diversi passaggi della filiera commerciale, in tal
modo imponendo sul mercato un prezzo di vendita progressivamente maggiorato ed
esageratamente superiore a quello ordinario praticato prima dell’emergenza e del tutto
svincolato da una fisiologica variabile domanda/offerta, tenuto conto che i ricarichi
applicati, quasi mai inferiori al 100%, hanno registrato picchi sino al 4100%.
In particolare, la certosina ricostruzione investigativa operata dagli investigatori
economico-finanziari delle Fiamme Gialle ha consentito di acclarare come una delle
società coinvolte avesse acquistato nell’ottobre 2019 da un fornitore cinese (estraneo alle
indagini) oltre 127.000 mascherine filtranti FFP3 al costo unitario comprensivo dei costi
accessori (spese di trasporto, diritti doganali, etc.), di Euro 0,36; nello scorso mese di
marzo – quando, in piena e virulenta deflagrazione della pandemia, sul mercato nazionale
risultava quasi impossibile reperire i suddetti dispositivi di protezione individuale, le stesse
mascherine sono state rivendute ad un’altra società fornitrice di aziende sanitarie pugliesi,
al prezzo di oltre 12 euro cadauna. Quest’ultima società barese ha, infine, ceduto le mascherine filtranti ai medesimi enti sanitari a prezzi oscillanti tra i 18 e i 20 euro al
pezzo, iva esclusa.

Gli operatori commerciali destinatari del provvedimento cautelare, abusando anche della
loro qualità di prestatori d’opera necessari (in quanto esercenti attività commerciali
“operative” in base ai recenti provvedimenti della Presidenza del Consiglio dei Ministri)
hanno così dolosamente profittato di circostanze di tempo e di luogo tali da ostacolare o
quantomeno rendere alquanto difficoltosa la protezione sanitaria di pazienti, medici,
infermieri, operatori della sicurezza e di ogni altra categoria particolarmente esposta al
rischio di contagio.