reddito di cittadinanza
De Luca vorrebbe abolire il reddito di cittadinanza

“Siamo il massimo della creatività. Da oggi in poi non ci deve essere nessun contributo dello Stato scollegato da lavoro e formazione professionale. Giusto dare un aiuto ma se dai disponibilita’ a fare anche il lavoro stagionale. Diamo un aiuto alle famiglie non ai figli di buona donna. Dobbiamo regolarci per navigator e altre invenzioni. Mai piu’ regali. Lo Stato ha il dovere di aiutare ma a condizione di sacrificio e impegno”. Lo ha detto il governatore della Regione Campania Vincenzo De Luca all’hub di Ponte Valentino (Benevento), dove si sta per concludere la campagna vaccinale destinata ai lavoratori del comparto produttivo di quest’area. “Il reddito cittadinanza va tolto”, De Luca insiste.

De Luca vuole abolire il reddito di cittadinanza: “Meglio destinare i soldi a famiglie e scuola”

“8 miliardi che darei alle famiglie e per la scuola”

Le parole di De Luca: “Tolta la quota da dare alle famiglie povere, avrei preso quello che rimane degli 8 miliardi l’anno che impegniamo per il reddito di cittadinanza – ha spiegato – per dare queste risorse per metà alle famiglie per ogni figlio, in modo da contribuire alla crescita demografica del nostro Paese, e per un’altra metà destinerei le risorse al comparto scuola-università, per fare del nostro sistema formativo italiano un sistema di eccellenza”.

Il presidente della Campania ha poi fatto riferimento a una serie di controlli effettuati dalla Guardia di Finanza che “ha individuato, in un territorio ristretto della provincia di Napoli, 300 soggetti che prendevano il reddito senza avere diritto. C’erano – ha ricordato – addirittura sette detenuti. Possiamo fare i complimenti ai detenuti per il livello di creatività che hanno raggiunto, complimenti meno convinti per chi ha voluto questa misura sapendo che i 2,8 milioni utilizzati senza titolo da questi 300 percettori abusivi non saranno recuperati mai più”, ha concluso De Luca.

Reddito di cittadinanza: solo la Campania supera l’intero Nord

In Campania, si contano oltre 164mila famiglia che hanno percepito il reddito o la pensione di cittadinanza, per un totale di 700mila persone coinvolte. Questo numero, dunque, supera quello dell’intero Nord dove ci sono 54,785 famiglie con il sussidio e 509.459 persone coinvolte. A riportare i dati è l’Osservatorio Inps sul Reddito di cittadinanza.

A Napoli i nuclei con il reddito erano 165.524, superiori a quelli di tutta la Lombardia (90.585) e del Piemonte (63.274). Anche gli importi al Sud, inoltre, sono mediamente più alti (con più persone coinvolte per famiglie), con oltre 627 euro medi a famiglia in Campania. In Lombardia, invece, la cifra ammonta a 481. L’importo medio, in tutto il Sud, è invece di 590 euro.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.