ucciso posto auto maurizio
In senso orario: Antonio Venditto, Giorgio Scaramella Domenico Scaramella, Antonio Cirillo

Svolta in tempi record per le indagini sulla morte di Maurizio Cerrato. La tragica storia del custode del parco archeologico di Pompei ucciso lunedì sera a Torre Annunziata. Giorgio Scaramella 51 anni, Domenico Scaramella 51 anni, Antonio Venditto, 26 anni, Antonio Cirillo 33 anni sono stati arrestati per l’omicidio del 61enne avvenuto davanti agli occhi della figlia mentre stava cambiando la ruota dell’auto. Resta indagata la sorella di uno degli arrestati. Portati nel carcere di Poggioreale i quattro arrestati.

Cerrato è stato ucciso in una aggressione scattata dopo una lite per motivi di parcheggio. “Mio padre si è fatto ammazare per me, è stato un eroe” ha detto Maria Adriana, la figlia ventenne di Maurizio Cerrato.

GLI INDAGATI PER L’OMICIDIO DI MAURIZIO

I quattro indagati fermati e portati in carcere dai Carabinieri del Comando provinciale di Napoli. I militari eseguiivano un decreto di fermo di indiziato di delitto emesso dalla Procura della Repubblica di Torre Annunziata. Il decreto è stato, dunque, notificato nel corso della notte. Il 61enne è stato ucciso in una aggressione scattata dopo una lite per motivi di parcheggio.

Cerrato, secondo la ricostruzione, aggredito ed ucciso davanti alla figlia lunedì sera, in un parcheggio. Probabilmente l’omicidio di Maurizio era scaturito al culmine di una lite per un posto auto. Cerrato era stato prima massacrato di botte con un compressore, poi il colpo fatale con una coltellata al torace.

ucciso posto auto maurizio
In senso orario: Antonio Venditto, Giorgio Scaramella Domenico Scaramella, Antonio Cirillo

Per seguire tutte le notizie collegati al nostro sito oppure vai sulla nostra pagina Facebook

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.